Un derby da record anche per Dazn

Nella stracittadina di Milano di ieri non esulta solo l'Inter. Superato il precedente primato di spettatori che risaliva a un altro derby di Milano, quello del 21 settembre 2019: per Dazn l'audience è stato di 2,2 milioni contro gli 1,6 del derby di un anno e mezzo fa. Nel corso di tutta la partita, inoltre, è stata rilevata un’ottima performance della piattaforma con indice di rebuffering inferiore alle media abituale, dimostrando un costante miglioramento. Questo è un risultato importante per DAZN che si riconferma punto di riferimento per gli appassionati di sport nel nostro Paese e dimostra, inoltre, come la visione in streaming e attraverso diversi device sia diventata un’abitudine sempre più comune e consolidata per i tifosi di calcio italiani.
Un derby da record anche per Dazn© Inter via Getty Images
Andrea Ramazzotti

MILANO - Quello di ieri è stato un derby da ricordare non solo per l'Inter, ma anche... per Dazn che ha superato il suo record come spettatori per una gara del campionato di Serie A. Il precedente primato apparteneva – ironia della sorte – sempre a una stracittadina di Milano, quella del 21 settembre 2019 e anche in quel caso a imporsi furono i nerazzurri. Un anno e mezzo fa le persone collegate a vedere il match furono 1,6 milioni, mentre ieri l'audience ha toccato i 2,2 milioni, il 50% su Dazn Ott, il resto (1.144.000 pari al 7% di share) sul canale satellitare Dazn1 disponibile su Sky. Nel corso di tutta la partita è stata inoltre rilevata un’ottima performance della piattaforma con indice di rebuffering inferiore alle media abituale: ciò dimostra un costante miglioramento del servizio. La visione in streaming, attraverso diversi device, dunque, sta diventando un'abitudine sempre più comune e consolidata per i tifosi di calcio italiani.

Inter, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti