Inter-Roma, Inzaghi spera nell’effetto San Siro

È uno degli elementi che i nerazzurri proveranno a sfruttare alla ripresa per rilanciare la stagione: a partire già dalla sfida con i giallorossi
Inter-Roma, Inzaghi spera nell’effetto San Siro© Inter via Getty Images
4 min
Pietro Guadagno
TagsInzaghiSan SiroMourinho

MILANO - Effetto San Siro. E’ uno degli elementi che l’Inter proverà a sfruttare alla ripresa per rilanciare la sua stagione: a partire già dalla sfida con la Roma del 1° ottobre. In casa, infatti, i nerazzurri viaggiano sicuri e senza incertezze ormai da mesi. Sono ben 7 le vittorie consecutive, considerando le ultime 4 gare del torneo scorso e le prime 3 di quello appena iniziato. L’ultima squadra ad uscire indenne dall’impianto milanese è stata la Fiorentina (19 marzo) che si prese un 1-1. Non hanno avuto scampo, invece, Verona, Roma, Empoli, Sampdoria, Spezia e Torino. Una bella differenza rispetto al rendimento in trasferta della banda di Inzaghi. Dopo il successo in casa del Lecce, infatti, sono arrivate 3 sconfitte in fila: Lazio, Milan e Udinese. Peraltro, con uno spartito molto simile tra loro: Inter in vantaggio e poi rimontata addirittura con 3 gol incassati. Anche in terra salentina, i nerazzurri erano scattati subito avanti, per poi venire raggiunti. All’ultimo secondo, però, il colpo di “pancia” di Dumfries ha sistemato le cose e regalato 3 punti. 

Gol e assist, le dieci migliori coppie d’attacco della Serie A
Guarda la gallery
Gol e assist, le dieci migliori coppie d’attacco della Serie A

70 mila a San Siro

Lautaro e soci, a San Siro, sfruttano anche la spinta della gente. Le tribune sono sempre piene e trasmettono entusiasmo. Considerando proprio queste ultime 7 gare, la media sfiora i 70 mila spettatori, per la precisione 69.770. Numeri straordinari, evidentemente. E il trend non si esaurirà certo in occasione nel match con la Roma. Già la scorsa settimana era stata superata quota 70 mila e quindi si veleggia verso il tutto esaurito, nonostante gli ultimi risultato negativi. L'auspicio è che ci sia un bis pochi giorni dopo nella gara di Champions con il Barcellona. Paradossalmente, proprio in Europa, e contro un avversario del calibro del Bayern, si è registrato il picco negativo di quest’ultimo periodo con “soli” 58.951 spettatori. Ma la sfida con i catalani potrebbe essere quella decisiva per giocarsi la qualificazione e il popolo nerazzurro di solito risponde a questi appuntamenti. 

Acerbi, ecco il nuovo leader dell'Inter di Inzaghi

L'Inter riparte a ranghi ridotti e con Marotta a bordo campo
Guarda la gallery
L'Inter riparte a ranghi ridotti e con Marotta a bordo campo

Quale accoglienza per i nerazzurri?

Chiaro che quello stesso popolo deve, in qualche misura, essere riconquistato. La delusione per questo avvio di stagione si avverte e l’accoglienza potrebbe non essere quella consueta. Prova ne sia il comunicato della Curva dello scorso lunedì, in cui viene puntato il dito contro i giocatori. Dall’altra parte, peraltro, ci sarà la Roma, che non avrò Mourinho, ma soltanto in tribuna perché squalificato: una coincidenza che non fa altro che aumentare la delicatezza dell’appuntamento. 

Roma, Dybala vuole esserci contro l'Inter
Guarda il video
Roma, Dybala vuole esserci contro l'Inter


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Inter, i migliori video

Commenti