Juventus, Emre Can: «L'effetto Ronaldo è enorme. Allegri è un maestro»
Juventus
0

Juventus, Emre Can: «L'effetto Ronaldo è enorme. Allegri è un maestro»

In un'intervista rilasciata a Dazn, il centrocampista ripercorre il trasferimento in Piemonte: «Klopp era dispiaciuto, ma avevo bisogno di nuovi stimoli»

ROMA - Emre Can è alle prese con problemi alla caviglia, che gli impediranno di essere parte dell'incontro stasera contro l'Ajax. Il centrocampista tedesco della Juventus si racconta in una lunga intervista rilasciata a Dazn: «Klopp era deluso quando ha saputo che sarei andato via da Liverpool. Gli ho spiegato però che volevo una nuova avventura e ha capito. Sapeva che non era una scelta contro di lui o contro il club, ma semplicemente per una nuova sfida alla Juventus. Mi sento ancora con lui e sarò sempre grato a Liverpool. Fino a questo momento è andato tutto bene con la Juve ma non abbiamo ancora vinto nulla. Vogliamo vincere lo Scudetto e la Champions League, in particolare la voglia di alzare quella coppa è tantissima nel club e nell’intera città. Le rivali sono forti, ora affronteremo l’Ajax che ha eliminato il Real. Noi siamo un gruppo forte e se tiriamo fuori le nostre qualità sono sicuro che raggiungeremo le semifinali».

ELOGI - Spazio a lodi sperticate per i due condottieri della Juventus: «L’effetto Ronaldo è enorme, sulla città, sul club e sul campionato, tutti parlano di lui. Ma tutti parlano del grande giocatore, per me conta la persona prima di tutto e lui è molto amichevole, un ragazzo con i piedi per terra. Allegri? E’ un maestro di tattica. Trova sempre nuove soluzioni, in ogni partita. Cambia disposizione in ogni gara, cura ogni dettaglio. Come persona inoltre è divertente anche se onestamente lo capisco poco, perché è toscano e parla un dialetto molto difficile da capire e si mangia un sacco di parole. Allenamento? Mi sono già lamentato degli allenamenti di Klopp ma qui ci tocca correre di più». Chiosa finale sulla Nazionale e su Khedira: «Sono rimasto deluso dalla mancata convocazione in nazionale ma farò di tutto per convincere il ct. Khedira? A volte dimentichiamo che nella vita ci sono cose più importanti del calcio, è stato uno shock per tutti quando siamo venuti a sapere dei suoi problemi cardiaci. Io non ho vissuto un periodo semplice ma il club mi ha supportato e ora mi sento bene. La Juve è come una famiglia».

Ajax-Juventus, le ultime dal nostro inviato

Tutte le notizie di Juventus

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

SERIE A - 3° GIORNATA
SABATO 14 SETTEMBRE 2019
Fiorentina - Juve 0 - 0
Napoli - Sampdoria 2 - 0
Inter - Udinese 1 - 0
DOMENICA 15 SETTEMBRE 2019
Genoa - Atalanta 1 - 2
Brescia - Bologna 3 - 4
Parma - Cagliari 1 - 3
Spal - Lazio 2 - 1
Roma - Sassuolo 4 - 2
Verona - Milan 0 - 1
LUNEDÌ 16 SETTEMBRE 2019
Torino - Lecce 1 - 2

 

Calciomercato in Diretta