Lazio, confronto scudetto: nel 2000 era a -9 dalla Juve a 8 turni dalla fine

Simone Inzaghi oggi insegue i bianconeri con un distacco inferiore: -7. Ma la condizione e le partite ravvicinate cambiano le carte in tavola

© ANSA

ROMA - Crederci finché è possibile. In casa Lazio la parola scudetto, prima sussurrata, poi dichiarata, è ancora nella testa dei giocatori e società. La corsa è diventata una rincorsa, la Juve ora è volata a +7 punti quando mancano 8 partite al termine. Prima di tutto va centrata la Champions League, certo. Ma quel sogno tricolore è un obiettivo ancora vivo. E il precedente del 2000 può far sperare.

Lazio, che festa scudetto! Le immagini di quel 14 maggio del 2000
Guarda la gallery
Lazio, che festa scudetto! Le immagini di quel 14 maggio del 2000

Il confronto

La Serie A nel 2000 si giocava su 34 giornate. Per fare un confronto con il campionato attuale (38 giornate), va preso il riferimento sul 26esimo turno. La classifica diceva: Juve 59 punti, Lazio 50. Nove lunghezze in meno a 8 partite dal termine, oggi sono invece 7 sulla squadra di Sarri. Un distacco inferiore. I bianconeri, nelle ultime 8 gare, vinsero 4 partite e ne persero altrettante (anche lo scontro diretto con i ragazzi di Eriksson): 12 punti. I biancocelesti ne conquistarono 22. Trionfo all’Olimpico all’ultima giornata con 72 punti contro i 71 della Juve sconfitta al Curi dal Perugia. Un ribaltone incredibile.

Il momento

La grande differenza rispetto a 20 anni fa riguarda il momento. La Lazio ha sì un distacco inferiore rispetto al 2000, ma si gioca ogni tre giorni, c’è stanchezza, incide il fattore caldo. E poi contano la condizione dei giocatori e gli infortuni, con Correa l’ultimo a dare forfait. I biancocelesti ripartono da Lecce. Vincere per continuare a sperare. Tutto è ancora possibile.

Inzaghi: "A Lecce dovremo fare la formazione con il dottore"
Guarda il video
Inzaghi: "A Lecce dovremo fare la formazione con il dottore"

Commenti