Akpa Akpro ha conquistato la Lazio: ecco chi è il colpo di Lotito

Il centrocampista festeggiato da Didier su Instagram dopo il gol low cost al Borussia di Haaland

© Getty Images
Daniele Rindone

ROMA - Il gol più economico e meno pagato del milionificio “Champions” è di Jean-Daniel Akpa Akpro, costo del cartellino circa 200.000 euro, poco meno del suo reddito calcistico annuo quantificato in 300.000 euro, livello minimo di retribuzione nell’Europa dei top. Tanto per fare un esempio, il fenomeno Haaland del Borussia, nuovo brand del gol, mister 8 milioni di stipendio, guadagna il doppio in un solo mese. Da martedì sera, segnando sotto le stelle, Akpa Akpro ha ricominciato a chiedersi cosa farà da grande nella sua seconda vita iniziata a 28 anni dopo la disoccupazione del 2017, quando iniziò a tormentarlo la pubalgia e finì il contratto con il Tolosa, rimase squattrinato e declassato, senza più posto e nome nel calcio: «Prima partita e primo gol in Champions. Il sogno di bambino è diventato realtà. Grazie a tutti», è il buongiorno che ha regalato ai laziali dopo il trionfo coi tedeschi, dopo quel gol di contropotere. È stato festeggiato dall’amico fraterno Didier Drogba con un “like” su Instagram, l’ex bomber del Chelsea l’aveva aiutato a rilanciarsi sponsorizzandolo con il suo agente Pastorello, l’avrà chiamato sicuramente. Continuiamo a goderci la favola di Akpa, “JD” per gli amici o “Jidé”. A 25 anni era finito nel buio dell’oblio, ha affrontato una tormentosa fatica per risalire fin dove è risalito. Con la Lazio ha firmato in estate per 5 anni, è tra quelli che guadagnano meno. Il suo amore per il calcio è senza prezzo.

La Lazio batte il Borussia, ecco le reazioni della stampa europea: “La vendetta di Ciro”
Guarda la gallery
La Lazio batte il Borussia, ecco le reazioni della stampa europea: “La vendetta di Ciro”

Le origini

Fasciato nel bozzolo della famiglia che l’ha nutrito di calcio, Jean-Daniel ha seguito le orme dei fratelli maggiori Jean Jacques e Jean-Louis, del censimento familiare fa parte anche il più piccolo degli Akpa, è Jean-Metch. Si chiamano tutti Jean. Sono calciatori anche i cugini Yannick Sagbo e Guy Demel, nazionali ivoriani. [...]

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Sport - Stadio

Commenti