Lazio, anche i giocatori in Procura Figc!

Ieri gli 007 federali hanno ascoltato i medici, ora saranno sentiti alcuni calciatori
Fabrizio Patania
TagsLazio

Quasi tre ore di colloquio organizzato in gran segreto e in contropiede nello studio dell’avvocato Gentile, legale della Lazio. Niente uffici in via Campania per sfuggire alle telecamere e custodire un minimo di riservatezza. Giuseppe Chiné, magistrato del Consiglio di Stato e capo della Procura Federale, era collegato da remoto. Due ispettori federali nella stessa stanza con Ivo Pulcini, direttore sanitario, e Fabio Rodia, coordinatore dello staff medico della Lazio. Il confronto si è concluso intorno alle 17,30. Sul tavolo il protocollo federale e la ricostruzione della gestione dei casi Covid, all’interno del centro sportivo di Formello, nella settimana precedente alla partita di Torino del primo novembre, diventata motivo di reclamo (o almeno di esposto) per il club di Cairo, sconfitto (3-4) sul campo. Chiné neppure si è interessato ai tamponi e agli esami di laboratorio. Non è materia di sua pertinenza: se sono state commesse irregolarità nei controlli o meno, lo saprà dalla Procura della Repubblica di Avellino. Gli 007 federali vogliono accertare se la Lazio ha rispettato il protocollo Figc, come sono emerse le differenze in campo europeo all’esito dei tamponi Synlab e quali comportamenti sono stati adottati dallo staff medico e dai giocatori in ordine alle positività, all’isolamento, alla partecipazione o meno agli allenamenti. Altro capitolo decisivo le conseguenti comunicazioni alla Asl Roma 1, competente per Formello. «Abbiamo prodotto e depositato la documentazione, attestando le procedure che testimoniano la correttezza della Lazio. Non sono state commesse violazioni o infrazioni, non ci sono state fatte contestazioni, è stato un colloquio cordiale e soddisfacente» ha spiegato l’avvocato Gentile in serata. (...)

Lazio, bilancio sui nuovi acquisti: ecco i giocatori più utilizzati
Guarda la gallery
Lazio, bilancio sui nuovi acquisti: ecco i giocatori più utilizzati

Lazio, ora tocca ai giocatori

L’inchiesta, ecco lo sviluppo, non si è ancora conclusa ed è destinata ad andare avanti, come ha intuito lo stesso legale della Lazio. Chiné e gli ispettori federali sono rimasti soddisfatti dalle risposte ricevute, ma non si fermeranno subito. Prima di chiudere il caso e decidere tra deferimento (rinvio a giudizio) o archiviazione, procederanno con l’ultimo atto d’indagine. Dentro il prossimo capitolo, ci saranno nuovi interrogatori. Lotito è già stato ascoltato a Formello. Potrebbe essere sentito ancora, ma la linea societaria è già chiara. Il fronte si potrebbe allargare e concludere con l’audizione di uno o più giocatori. Non è sicuro, ma appare probabile, quasi scontato. Un atto dovuto per verificare all’interno del gruppo squadra il rispetto del protocollo, quali sono stati i comportamenti dello staff medico, come è stata organizzata la cosiddetta bolla. Un eventuale deferimento della Lazio comporterebbe, anzi non escluderebbe, una responsabilità individuale dei giocatori che pure subiscono i tamponi e si sottopongono ai controlli. Tutti, come succede in materia di doping, sono tenuti a conoscere e rispettare il protocollo. Devono dimostrarlo e uscirne insieme con la Lazio. Non cambiano forma e sostanza. I principi della giustizia sportiva sono gli stessi.

Tutti i dettagli sul Corriere dello Sport-Stadio in edicola

Lazio, anche i giocatori in Procura Figc!
Guarda il video
Lazio, anche i giocatori in Procura Figc!

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti