Juve-Milan, Pioli: "Ibra non è grave". E l'aneddoto su Guardiola...

Il tecnico rossonero esulta dopo il 3-0 all'Allianz Stadium e ammette: "Sono rimasto impressionato dall'atteggiamento del City"
Juve-Milan, Pioli: "Ibra non è grave". E l'aneddoto su Guardiola...© LAPRESSE
TagspioliGuardiolaIbrahimovic

TORINO - "Brahim Diaz? Cerchiamo sempre di avere una strategia e scegliamo i giocatori adatti. Oggi volevamo avere due trequarti e Calha e Diaz erano i più adatti. La squadra ci ha creduto, con sacrificio e mentalità. Ma, soprattutto stasera, non può essere la vittoria di un singolo. Abbiamo vinto meritatamente. La prossima partita sarà ancora più difficile. I tifosi ci hanno emozionato". Dopo essersi imposto 3-0 all'Allianz Stadium contro la Juventus, il tecnico del Milan Stefano Pioli esprime la propria gioia ai microfoni di Sky Sport: "Abbiamo fatto una grande partita. È uno scontro diretto, con questa classifica, molto importante da aver vinto. Purtroppo non è l’ultima gara e non possiamo esultare ancora. La dirigenza ci ha sempre sostenuto, sentivamo tutti l’importanza della gara e ci tenevamo a fare bene. Sono sempre attento alle vostre valutazioni. Spirito, sacrificio e collaborazione. Sotto questi punti di vista siamo stati i migliori per molto tempo. Stanchezza mentale e i tanti impegni ci hanno poi penalizzato. Sapevamo che dovevamo portare in campo una prestazione diversa e lo abbiamo fatto".

Pioli: "Vorrei lo stesso atteggiamento del City". E su Ibra...

"La Juve? Onestamente devo dire che ultimamente sta cambiando impostazione. Non ero convinto costruissero con 3 difensore, col 3+1 o col 4+2. Ma quando c'è intensità, pressione, si rischia l'uno contro uno, hai l'atteggiamento giusto. E, a parte l'occasione di Bentancur, non abbiamo rischiato nulla. Ai ragazzi non ho fatto vedere le semifinali di Champions, io le ho viste, e sono rimasto colpito dal Manchester City. Se riusciamo ad approcciare con quella rabbia, quell'intensità e quella qualità possiamo prenderci la qualificazione in Champions. Non ho imitato però Guardiola, perché lui gioca senza attaccanti. Anche Ibra non è più una vera e propria punta, è un regista offensivo, però la cosa più importante è che siamo stati squadra. Ibra non era al 100%, ha fatto mezzo allenamento venerdì, ci teneva a giocare. Ha il ginocchio dolorante, credo niente di grave, ma torniamo qui a Torino fra due giorni... Valuteremo".

Diaz decisivo in Juve-Milan, che abbraccio con Pioli dopo il gol
Guarda la gallery
Diaz decisivo in Juve-Milan, che abbraccio con Pioli dopo il gol

Mister Calcio Cup europei

Milan, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti