Papu Gomez svela un retroscena di mercato sulla Lazio. E su Gasperini...

Le rivelazioni dell'attaccante del Monza, attualmente squalificato dopo essere risultato positivo al doping

Interessanti rivelazioni fatte dal Papu Gomez ai microfoni di Cronache di Spogliatoio. L'attaccante, che ha rimediato una squalifica di due anni dopo essere risultato positivo al doping, ha raccontato degli aneddoti di mercato e degli anni vissuti all'Atalanta: "Avevo quasi firmato con l’Inter quando c’era Stramaccioni, poi lo hanno esonerato. Quando ero all’Atalanta, per 3 sessioni di mercato sono stato contattato da alcune squadre. Soprattutto la Lazio".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Papu Gomez e il rapporto con Gasperini

"Gasperini ha cambiato la mia mentalità in allenamento. Prima di lui ero molto pigro. Quando ho visto i risultati, ho capito che aveva ragione. Ha cambiato il mio modo di allenarmi. Dentro al campo, come prepara le partite, come le comprende tatticamente: lui insegna calcio. Fare pace con Gasperini? Certo, siamo adulti. Per me è tutto passato. Quando ci incontreremo, ci abbracceremo. Lo scorso anno non sono potuto andare allo stadio, giocavo ancora al Siviglia e non sono potuto andare. Ma vivo a Bergamo, ci sarà modo"


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il retroscena della Coppa del Mondo

"Dopo la finale del Mondiale in Qatar, è stata follia pura. Piangevamo tutti. Mi ha fatto molto ridere questo aneddoto: eravamo in campo e c’era Saltbae, il cuoco famoso per come versa il sale. Era sul terreno di gioco e aveva preso la coppa. E noi con la nostra famiglia stavamo aspettando per farci le foto. Ma che ci faceva lì?!  Poi abbiamo preso l’aereo: 25 ore di viaggio. Siamo arrivati a Buenos Aires e c’erano 50mila persone ad aspettarci. Il giorno dopo, invece, erano 5 milioni. Alla fine della festa, ho preso un taxi per andare a casa dalla mia famiglia. Ero completamente ustionato dopo tutto quel tempo sul pullman scoperto, non riuscivo neanche a sedermi. La parata del Dibu? Completa follia. Quando ho visto il pallone che superava Otamendi, ho pensato: ‘È finita’. Anche la panchina della Francia era già pronta per esultare. Poi ha fatto quella parata… clamorosa. Durante i rigori urlavo a tutti ‘Kiricocho!’, che è il grido con cui proviamo a portare sfortuna agli avversari che stanno per battere. Il Brasile era l’unica squadra che temevamo. Con le altre avevamo la fiducia di poter vincere. Durante la loro partita contro la Croazia, abbiamo esultato a ogni gol croato. Abbiamo visto i rigori poco prima di andare a fare il nostro riscaldamento e abbiamo esultato come se fosse la nostra partita". 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Interessanti rivelazioni fatte dal Papu Gomez ai microfoni di Cronache di Spogliatoio. L'attaccante, che ha rimediato una squalifica di due anni dopo essere risultato positivo al doping, ha raccontato degli aneddoti di mercato e degli anni vissuti all'Atalanta: "Avevo quasi firmato con l’Inter quando c’era Stramaccioni, poi lo hanno esonerato. Quando ero all’Atalanta, per 3 sessioni di mercato sono stato contattato da alcune squadre. Soprattutto la Lazio".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

1
Papu Gomez svela un retroscena di mercato sulla Lazio. E su Gasperini...
2
Papu Gomez e il rapporto con Gasperini
3
Il retroscena della Coppa del Mondo