De Laurentiis esclusivo: "Sarri mi tradì, lasciò il Napoli per i soldi"

Il presidente si confessa: "Ancelotti un ambasciatore, come mio padre. Gattuso mi somiglia. A Capri, a inizio agosto, potremmo anche parlare di prolungamento. Maurizio tirandola per le lunghe procurò disturbo e incertezza alla società, volgare la scusa dei soldi"

© SSC NAPOLI via Getty Images
Ivan Zazzaroni

Ancora oggi, a settantun anni, Aurelio De Laurentiis abbandona virtualmente ogni giorno gli uffici della Lega salendo sullo scooter del primo che passa e, senza casco, si fa accompagnare in stazione mandando platealmente tutti a quel paese. «Sono molto incazzoso, ma dopo cinque minuti via, tutto finito, come se nulla fosse accaduto, e torno a essere dolce e affettuoso. Chi non mi conosce si stranisce. L’incazzatura-lampo mi ha salvato la vita, se così non fosse invece di un solo infarto ne avrei avuti dieci, forse sarei già morto». L’impudenza sottilmente narcisistica di confessare la sua “piromania” prima di esaltare il lato brillante e visionario. De Laurentiis ha uno sguardo “dilatato”, tiene sempre a fuoco quanto accade nel mondo e ciò che provoca ritardi, spiazzamenti dentro la gente di calcio. Lui li chiama «i prenditori». Sabato sono rientrato tardi in hotel - gli dico - e ho acceso su Raiuno proprio mentre stavano trasmettendo lo sketch del balletto imposto da suo zio Dino ad Alberto Sordi, straordinaria la somiglianza fisica tra voi, e lo stesso timbro di voce, poi. «Forte, lo stavo vedendo anch’io. Negli ultimi anni in America avevamo entrambi la barba e la gente ci scambiava per fratelli».

Subito Sarri, la finale-nemesi.

«Nemesi storica» sorride. «Mi fece incazzare con la scusa volgare dei soldi, mi costrinse a cambiare, e aveva ancora due anni di contratto. Ricordo che a febbraio mi invitò a pranzo in Toscana, a due passi da casa sua, organizzò la moglie, parlammo di tante cose ma non accennò a chiusure, a separazioni, mi portò fino al giorno che precedette l’ultima partita creando disturbo e incertezza alla società».

Ma vi ha fatto vivere tre stagioni indimenticabili.

«È diventato il deus ex machina, ma anche nel calcio vale la regola del cinema dove per fare un buon film sono necessari un ottimo regista e un ottimo produttore, sono i genitori dell’opera dell’ingegno. Naturale che l’imprenditore dia delle indicazioni e che gli sia riconosciuta una parte del merito nel successo, non solo la colpa nella sconfitta. Chi ha preso Cavani? Il sottoscritto. E Mazzarri? Il sottoscritto. E Benitez? Sempre il sottoscritto. E Higuaìn? E Sarri? Quando lo scelsi tappezzarono la città di striscioni contro di me».

Napoli-Juve: la probabile formazione di Gattuso
Guarda la gallery
Napoli-Juve: la probabile formazione di Gattuso

Ha dimenticato Ancelotti.

«Carlo mi ricordava mio padre».

Lui nel calcio ha vinto come nessun altro. Stiamo parlando di un valore tecnico elevatissimo.

«Scelsi la sua serenità, la tranquillità, la sua piacevole vicinanza. Mio padre era un filosofo, un uomo dolcissimo. Come Carlo. Ma prendendo lui, non so se feci la cosa più giusta per il Napoli. Dopo la prima stagione, potendo ricorrere alla clausola rescissoria contenuta nel contratto, avrei dovuto dirgli “Carlo, per me non sei fatto per il tipo di calcio che vogliono a Napoli, conserviamo la grande amicizia, il calcio a Napoli è un’altra cosa. Ti ho fatto conoscere una città che adesso ami spassionatamente e che ti ha sorpreso, meglio finirla qui”».

E invece…

«Sbagliai una seconda volta».

Leggi l'intervista completa sull'edizione del Corriere dello Sport-Stadio oggi in edicola

"Napoli, Ferran Torres il dopo Callejon: Valencia contattato"
Guarda il video
"Napoli, Ferran Torres il dopo Callejon: Valencia contattato"

Da non perdere





Commenti