Maradona, Ferlaino: "Sono stato il suo carceriere"

Lo ha voluto, lo ha difeso: "Strappai l’assegno di Tapie, ma sapevo che presto sarebbe finita"
Maradona, Ferlaino: "Sono stato il suo carceriere"
Antonio Giordano
TagsMaradona

NAPOLI - «Ingegnere, ho bisogno di lei...». Mentre il mondo è già in lacrime, perso nel labirinto della propria memoria, Corrado Ferlaino è accerchiato in una stanza, con voci che s’avvertono distinte, e chiede a chi inconsapevolmente lo sta trascinando nel dolore qualche attimo di pazienza: «La richiamo io, mi dia dieci minuti, sono in una riunione. Mi dica però di cosa ha bisogno?». Le parole sono seriamente come pietre, a volte, e si può cercare di dosarle o di provare a un approccio morbido, ma dopo aver chiesto se ha saputo di Diego, («cosa è successo, mi dica?») non c’è modo di demolire la sofferenza che sta per germogliare tra i vicoli luminosi di quella Napoli indimenticabile che ora si fanno largo tra i pensieri sparsi. «Ho bisogno di tempo, mi scusi...». Mentre la nebbia cala sui ricordi, Corrado Ferlaino si prende mezz’ora per starsene da solo, lui e Diego, e ripercorrere, passo dopo passo, sette anni e due scudetti e la Coppa Uefa e la Coppa Italia e la Supercoppa e quell’amore frastagliato, e Barcellona e Marsiglia. «Ma lui è stato la mia vita e quella di Napoli».

Maradona, i giornali di tutto il mondo omaggiano il mito scomparso
Guarda la gallery
Maradona, i giornali di tutto il mondo omaggiano il mito scomparso

E cos’altro ancora, ingegnere?

«La notte del secondo scudetto, su quella nave, a Castel dell’Ovo, mentre godevamo lo spettacolo dei fuochi a mare. E le visite private, rimaste un segreto, che mi faceva, nei primi anni, fino a quando non arrivò Tapie che cercò di portarmelo via».

Maradona, è partita la proposta formale per intitolargli il San Paolo

Ma la prima volta, fu un incontro surreale.

«Jorge Cysterpiller, il suo manager, mi portò a casa di Maradona a Barcellona. Ci furono lunghi silenzi e ci dicemmo pochissime parole: lui imbarazzato per essere davanti al presidente del Napoli e io timido perché a confronto con quello che sarebbe diventato il calciatore più forte del Mondo e di tutti i tempi. Lo sentivamo che stavamo per realizzare il colpo del Secolo, bastava vederlo giocare. E poi era sufficiente averlo di fronte, leggergli negli occhi quel desiderio sfrenato di mostrare chi fosse. Per questo dico: non si alimentino dualismi o paragoni: non c’è stato un altro Diego e mai ne nascerà uno che gli somigli».

"Diego nel cuore", i messaggi di calciatori, vip e politici

Finiste per litigare.

«Ho detto e lo ripeto: sono stato il suo carceriere. E un genio del genere, ad un certo punto, ovviamente vuole essere liberato dai lacci o da quella che sembra sia diventata una prigione. Cerca nuove ispirazioni in altre terre. Da Marsiglia, Tapie mi disse: ti mando l’assegno firmato, ci metti tu la firma. E io, quando arrivò la busta strappai tutto. Non mi interessava venderlo, non avevo alcuna intenzione, anche se intuivo che quell'epoca prima o poi sarebbe finita. Ma ce la siamo goduti finché abbiamo potuto ed abbiamo rivinto pure il campionato». [...]

Leggi l'intervista completa nell'edizione odierna del Corriere dello Sport - Stadio

Mister Calcio Cup europei

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti