Napoli, i nodi di Gattuso: cosa c'è da risolvere

La zona-Champions non è lontana, ma i rebus che il tecnico azzurro deve risolvere non mancano
Napoli, i nodi di Gattuso: cosa c'è da risolvere© ANSA
Antonio Giordano
TagsnapoliGattuso

Bisogna connettersi con la realtà, mica con il wi-fi : trentuno punti in classifi ca (e una partita in meno), la Champions è a portata di mano, c’è di mezzo proprio il recupero con la Juventus, lo scudetto - per il quale pure il Napoli dovrebbe poter lottare, visto l’organico a disposizione, sta un po’ più lontano. Però non è ancora cominciato il girone di ritorno, non è il caso di smanettare per leggere nel futuro, semmai di annusare il pericolo che situazioni border line possono scatenare: perché alle spalle sta rivenendo la Lazio, ad esempio, e l’Atalanta, che si è accomodata sullo stesso scalino del Napoli, si è rimessa a giocare come sa. Gattuso è circondato da ombre, sospetti e dai suoi stessi retro-pensieri, ma nelle ultime tre giornate la sorte poi non gli ha giocato contro: semmai ha allungato una mano al 92', con il Torino, e dopo la sconfi tta sanguinosa e immeritata con lo Spezia, gli ha restituito il «maltolto» al 90’ a Udine. Ma restano le contorsioni dialettiche, le ispezioni ambientali con tanto di microchip per appurare chi dica cosa e verità che sono lampanti.
Il suo contratto, rinnovo con scadenza 2023, giace ancora nella terra di nessuno: che sia una questione di clausole, pare un dettaglio, perché intanto, rispetto a quaranta giorni fa, è mutato l’umore generale (il suo e anche quello di Adl) e questa ventata d’aria insalubre certo non ha giovato. C’è una parola che vive, ha un senso e sta lì, al vento e al gelo d’un mese nel quale il Napoli ha rischiato seriamente con la Sampdoria, s’è bruciato tra San Siro con l’Inter e l’Olimpico con la Lazio la sua due big-match, e poi tutto quello che è capitato dopo.
Il titic-titoc, la versione nostrana del tiki-taka, viaggia su ritmi lenti, non consente di spostare gli avversari, né le sensazioni pallide che troppe volte, Udine compresa, hanno spalancato alle preoccupazioni: e le statistiche - sui tiri, sugli errori - non alleggeriscono la tensione, che Gattuso ha avvertito. C’è un calcio squilibrato e una serie di equivoci che restano, al di là del modulo e delle interpretazioni, catalogabile in convinzione e non certo in «capriccio»: ma la solitudine di Bakayoko è indiscutibile e Fabian sul centro-destra per portarlo al tiro con il piede preferito sa di contraddizione in termini, considerate le conclusioni a cui è arrivato lo spagnolo.

CorrieredelloSport.fun, gioca gratis, fai il tuo pronostico e vinci Buoni Amazon!

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti