Higuain e i tifosi del Napoli: “Insulti 15 giorni dopo gli applausi”

Il Pipita, dopo aver annunciato il ritiro dal calcio a fine stagione, parla di tutto: “Messi e Ronaldo? Ricorderò sempre di averci giocato insieme nel momento del loro massimo splendore”
Higuain e i tifosi del Napoli: “Insulti 15 giorni dopo gli applausi”© LaPresse
4 min
TagsHiguainRonaldo

Pochi giorni fa Gonzalo Higuain ha annunciato il ritiro dal calcio giocato a fine stagione. Ora viene il momento del nastro da mandare indietro, ricordando una storia piena di successi, di top team e di grandi calciatori che lo hanno affiancato. Il Pipita non si tira indietro e rivela: “Ho avuto una carriera meravigliosa”.

Higuain: “Real, Napoli e Juve: a queste piazze sono tanto legato”

Higuain inizia elencando le sue esperienze europee: “La squadra dove ho giocato più a lungo è stata il Real Madrid, poi ho giocato quattro anni alla Juve, tre anni al Napoli, poi sei mesi al Milan, sei mesi al Chelsea. Se devo giudicare in base al tempo che ho passato in un club, posso dire Real Madrid, Napoli, Juve per l’affetto reciproco che mi lega a queste piazze. Ho vissuto bei momenti in tutti i club in cui ho giocato e anche con la nazionale”.

Allegri: "Higuain? Vederlo giocare era un piacere"
Guarda il video
Allegri: "Higuain? Vederlo giocare era un piacere"

Higuain: “Giocare con Messi e Ronaldo non mette pressione”

Ha avuto la fortuna, l'argentino, di giocare al fianco di due monumenti come Messi e Ronaldo: “In molti potrebbero parlare di pressione nel giocare al loro fianco, ma non sono d’accordo. Si prendono la responsabilità quando le cose non vanno bene e per me è un privilegio poter giocare con due dei più grandi giocatori di tutti i tempi e ricorderò sempre il fatto di aver giocato con loro nel loro periodo di massimo splendore, al loro picco. E ora non sono solo grandi ex compagni di squadra, ma anche grandi amici”.

Higuain: “Gli anni a Napoli? Momenti impossibili da dimenticare”

Con il Napoli Higuain ha vissuto uno dei periodi migliori della sua carriera, chiusi però in malo modo: “Sono momenti impossibili da dimenticare. È una delle sensazioni più belle che puoi provare da giocatore, ossia sentire uno stadio pieno di persone che urlano il tuo nome dopo un goal: mi viene la pelle d’oca a pensarci oggi. Ma può succedere anche il contrario. Non tutto è bello nel calcio. Un giorno 60.000 persone stanno urlando il tuo nome. Quindici giorni dopo, potrebbero insultarti”.

Higuain alla Juve: “L'argentino più costoso di sempre”

A Napoli è finita male per il trasferimento alla Juve, rivale degli azzurri: “Dai brutti momenti impari a maturare, a crescere e io personalmente non rimpiango niente. Io ho perso, molte finali: Coppa America e Coppa del Mondo. E ho avuto la sfortuna di essere quello che ha fallito un'occasione da goal importante. Erano tempi duri, ma poi un anno dopo sono stato venduto per 90 milioni alla Juve e sono diventato l’argentino più costoso di sempre. Ed proprio lì che capisci che nulla può distrarti dal tuo obiettivo”.

Higuain: “Super orgoglioso di quello che ho ottenuto”

La pensione calcistica permetterà di riguardarsi dal di fuori: “Sono sicuro che quando smetterò di giocare, mi siederò e penserò a tutto ciò che sono stato in grado di vincere. Sono super orgoglioso di ciò che ho ottenuto. Ho giocato per i migliori club del mondo. Vincere o perdere è una conseguenza; la cosa più importante è il percorso, ed è qualcosa che la gente non mi toglierà mai. Ho avuto una carriera meravigliosa”.

Acquisti più costosi in Serie A: in vetta è dominio Juve
Guarda la gallery
Acquisti più costosi in Serie A: in vetta è dominio Juve


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti