Lobotka è il Napoli: dal flop al rinnovo

Pesava troppo e giocava poco, sembrava un errore di mercato: adesso è il primo insostituibile
Lobotka è il Napoli: dal flop al rinnovo© LAPRESSE
4 min
Antonio Giordano
TagsLobotkaSpalletti

NAPOLI - Lui era il «gordo», per dirla con eleganza, il grasso o persino il «chiatto», per non usare eufemismi, mentre adesso le rotondità sono tutte dentro a quel palleggio sontuoso che incanta. E la linearità, ma chi l’avrebbe detto?, è nel calcio che sa di Europa, che l’avvicina a Iniesta, che scatena i paragoni. Lui, un anno e mezzo fa, era un «pacco», eh sì, venti milioni di euro più quattro di bonus al Celta Vigo, e al Napoli - a Napoli - il sospetto d’essere stati traditi. Però adesso, così vanno le cose, lui è la luce che s’irradia in mezzo al campo, è il benessere per Spalletti «perché uno così risolve i problemi di qualsiasi allenatore»; è il regista moderno che sta dentro al tiki-taka o in qualsiasi trattato di football antico e moderno, lo chiamano play ed è un giocatore. Quando Stanislav Lobotka atterrò a Napoli, gennaio del 2020, si portò appresso una investitura resa pesante dal miele che gli spalmò addosso Marek Hamsik: «E’ un grande giocatore». Ci aveva visto bene, avendolo al fianco in nazionale, e quando Cristiano Giuntoli, il diesse, l’interpellò, al capitano venne naturale sbilanciarsi. Poi si sa che vanno a finire certi rimbalzi: in quella rivoluzione, un centinaio di milioni di euro per «stracciare» tutto ciò che aveva fatto Ancelotti, la scelta di modificare il Napoli sin dentro alla sua natura si rivelò rovinosa: due anni fuori dalla Champions, la felicità per una vittoria in Coppa Italia, e Stanislav Lobotka ai margini con appena 527 effettivi giocati. Una derrota total, gli avrebbero detto a Vigo.

Mourinho-Spalletti a confronto: dentro Roma-Napoli

Rinnova

Spalletti ha ricominciato (anche) da lui nel processo di restaurazione avviato per rimettere assieme i cocci e spazzare via il veleno: palla a Lobotka e poi il resto gira intorno. E’ cominciata un’altra vita e il contratto in scadenza nel 2024 sta per essere rinnovato: il management è stato a Napoli la settimana scorsa, ha dato senso a tutto ciò che che con AdL s’erano sussurrati al telefono, hanno cominciato a stabilire un accordo che li porterà assieme fino al 2027, con un ingaggio (ovviamente) riveduto e corretto che starà dentro i parametri societari e si avvicinerà ai tre milioni di euro. A Lobotka andrà un premio alla firma di un paio di milioni e per il futuro, se lo vorrà, potrà pure regalarsi una quinta stagione, come stabilito dalla opzione concessagli, ad una cifra lievemente inferiore da quella che maturerà subito.

Baiano batte le mani: "Napoli il più spettacolare in Europa"

Intoccabile

Ma è l’esistenza di Lobotka e quella del Napoli che sono cambiati, perché adesso l’uno non riesce a fare a meno dell’altro: Spalletti lo ha tirato fuori domenica, con il Bologna, a otto minuti dalla fine; non ci ha mai rinunciato, se non part-time: lo sistemò in panchina con lo Spezia e lo rimise dentro nell’intervallo, come con il Lecce; poi gli ha evitato spiccioli di partita, come si fa con le star, e non se ne priverebbe neanche sotto tortura o con l’incedere dell’acido lattico. 

Unico

Lobotka non ha una «replica», ci sarebbe Demme che però è diverso nella sua natura di play, ed è la più sorprendente delle novità del biennio, un uomo riemerso dalla nebbia fitta nella quale era piombato, un panchinaro ritrovatosi anche in tribuna, ad un certo punto - ma nel finale - perseguitato dalla tonsillite. Tutto sommato un equivoco, se non un bluff, uno di quegli errori macroscopici che rischiano di segnarti anche il bilancio: mentre ora - ciak, è la vita - la sua storia è diventata un esempio, il modello di riferimento della rivincita. Perché Lobotka ora è grasso che cola (calcisticamente). 

Al Napoli è Kvaramania, troupe in città per un docufilm
Guarda il video
Al Napoli è Kvaramania, troupe in città per un docufilm


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Commenti