Smalling, imbarazzo per l'agente accusato di aggressione: Featherstone in tribunale
© LAPRESSE
Roma
0

Smalling, imbarazzo per l'agente accusato di aggressione: Featherstone in tribunale

il procuratore è stato accusato di aver aggredito un cinquantenne a Manchester. Il difensore scioccato per l'episodio monitora la situazione da Roma

ROMA - Due minuti di udienza al tribunale dei magistrati per confermare il proprio nome, l'indirizzo di residenza e la propria data di nascita. James Featherstone avbrebbe anche potuto presentare ricorso per l'accusa di aggressione a un cinquantenne, ma ha scelto il silenzio aspettando di comparire il prossimo 3 dicembre al Manchester Crown Court quando ci sarà l'udienza finale. Il silenzio di Featherstone, l'imbarazzo di Chris Smalling costretto a subire questa incredibile vicenda che riguarda proprio il suo procuratore

Roma, Smalling benefattore

Perché mentre il difensore inglese in quel freddo pomeriggio dell'8 marzo si allenava nel centro sportivo del Man. United per preparare la sfida contro l'Arsenal, il suo procuratore veniva fermato dalla polizia di Greater Manchester con l'accusa di aver aggredito un uomo in un pub di Trafford. La sconcertante notizia ha colto di sorpresa e scioccato anche gli assistiti dell'agente (lasciato libero su cauzione) compreso Smalling che, grazie ad intermediari, è riuscito negli ultimi giorni di mercato a trasferirsi alla Roma dove ha in poco tempo dimostrato tutto il suo valore. Al difensore serviva cambiare aria, uscire da Manchester per lasciarsi alle spalle lo United e probabilmente anche il suo agente. 

Roma, Smalling dona mille sterline a un tifoso per la ricerca contro il cancro

Tutte le notizie di Roma

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti