Roma, Pallotta flop: tutte le parole nel vuoto

Progetti, speranze e ambizioni hanno lasciato il posto a delusioni, insulti e anatemi: ecco le frasi che certificano il fallimento della gestione

© ANSA
Roberto Maida

ROMA - Nove anni di parole, gesti, provocazioni. Nove anni di titoli sui giornali, nove anni senza titoli sportivi. Poi speranze, promesse, rettifiche, anatemi, insulti. C’è stato un momento, un lungo momento, in cui James Pallotta ha incarnato la chimera di un mondo diverso, nello spirito del tifoso della Roma affamato di gloria. Ma il suo piano di imprenditore esperto di speculazioni si è poi scontrato con la realtà: non si è avverato quasi niente di ciò che aveva immaginato, o quantomeno proposto. In ambito politico le sue responsabilità sono limitate: ci riferiamo allo stadio di Tor di Valle, che comunque avrebbe intestato a se medesimo e non alla Roma. In ambito sportivo però ha fallito su tutta la linea, almeno in relazione alle aspettative. Il lampo magico della semifinale di Champions League contro il Liverpool non basta a promuovere la sua gestione, che non ha portato trofei e conserva la macchia della finale di Coppa Italia persa contro la Lazio. Quel giorno Pallotta era all’Olimpico. [...]

La Roma si allena a Trigoria: piccoli gruppi e distanziamento sociale
Guarda la gallery
La Roma si allena a Trigoria: piccoli gruppi e distanziamento sociale

Pallotta e i progetti 

«L’obiettivo è vincere nel giro di cinque anni. Come ho già fatto nel basket con i Boston Celtics»
6 ottobre 2012

«Lo stadio sarà pronto nel giro di due anni. Incuterà timore ai nostri avversari, non vorrei essere nei panni dei giocatori ospiti».
26 marzo 2014

«Se non facciamo lo stadio entro il 2020 me ne vado».
28 maggio 2017

«Siamo ancora convinti di poter rendere la Roma grande e vincente. Non riusciranno a farmi lasciare Roma. Chi pensa che io voglia arricchirmi con la Roma si sbaglia di grosso. Ma ci serve lo stadio»
31 maggio 2019

Pallotta e i tifosi

«Non è giusto che tutti i nostri tifosi debbano essere puniti per colpa di pochi idioti che frequentano la Curva Sud. E sono sicuro che la maggior parte dei tifosi della Roma si sia stufata di questi fottuti idioti»
7 aprile 2015

«Sapete com’è un derby tra Roma e Lazio? Nel Nord Italia non litigano molto, non è così, ma al Sud… come Napoli, Roma… i problemi di sicurezza sono davvero significativi».
13 gennaio 2018

Pallotta e il mercato

«La Roma è una società sana, non ha bisogno di vendere giocatori»
28 luglio 2014

«La Roma non è supermercato: questa idea mi provoca frustrazione»
28 marzo 2018

«Non ho alcun interesse a vendere Alisson. Le possibilità che vada via sono pari a zero. Abbiamo venduto tanto nella scorse stagioni, da ora in poi non sarà così»
23 aprile 2018

«Volevo liberarmi di Alisson? No, ma dovevamo fare i conti con il Financial Fair Play e anche lui voleva andare in una squadra che poteva offrirgli molto di più rispetto a quello che le nostre risorse ci avrebbero permesso. Salah invece voleva andare via, come Pjanic».
31 maggio 2019

Pallotta e Monchi

«Io e Monchi la pensiamo allo stesso modo: l’impronta del suo lavoro si vedrà presto. Monchi è stato un dono del cielo»
23 aprile 2018

«Con Monchi non ha funzionato nulla. E’ stato il peggior errore commesso nella mia gestione. Non aveva mai un piano B, gli ho dato le chiavi della Roma ma ha fallito»
18 marzo 2019

Pallotta e la concorrenza

«A Roma tutti, a parte Lotito, vogliono lo stadio. Abbiamo fiducia. Lotito è simpatico, un personaggio buffo».
4 giugno 2017

«Non so cosa stia succedendo al Milan, è una pazzia. Non hanno i soldi, li prendono in prestito e stanno investendo molto. A un certo punto ne pagheranno le conseguenze. Solo loro in Serie A stanno perdendo la testa»
28 luglio 2017

Leggi l'articolo integrale sull'edizione del Corriere dello Sport-Stadio oggi in edicola

Totti ha rinunciato alla Liga per amore della Roma
Guarda il video
Totti ha rinunciato alla Liga per amore della Roma

Da non perdere





Commenti