Pau Lopez: “Ho faticato per arrivare alla Roma, non voglio andare via”

Le parole del portiere giallorosso al termine del match pareggiato contro l'Inter
Pau Lopez: “Ho faticato per arrivare alla Roma, non voglio andare via”© ANSA

ROMA - La battaglia dell'Olimpico finisce in parità, Roma e Inter hanno dato tutto fino all'ultimo minuto portando a casa un punto a testa. Il match è terminato 2 a 2 con le reti di Pellegrini e Mancini per i giallorossi e Skriniar e Hakimi per i nerazzurri. Al termine del match Pau Lopez è intervenuto ai microfoni delle emittenti televisive: "Una sensazione molto strana. Abbiamo regalato venti minuti del secondo tempo e la partita è diventata difficile, contro una squadra forte come l’Inter. Volevamo questi tre punti, peccato non essere riusciti a prenderli", ha dichiarato a Roma Tv. 

Fonseca: “Fatali quei venti minuti, bravo Cristante. Col derby più costanza”

Questa prestazione concede alla Roma la possibilità di lottare con le big del campionato?
"Non mi piace parlare di queste cose. Alla fine della stagione vedremo dove saremo. Mancano ancora tante partite per iniziare a parlarne".

Si poteva fare di più?
"Nello spogliatoio si percepiva che ci fosse qualcosa che non era andato bene. Pareggiare alla fine è ottimo, ma stavolta non è stato così. Noi volevamo i tre punti e non siamo riusciti a prenderli, anche per colpa di quei 25 minuti nella ripresa".

L’Inter è la squadra che ha fatto più gol da angolo. L’avevate studiato questo dato?
"Lo facciamo sempre, è un aspetto che Fonseca aveva sottolineato. Sul gol ti posso dire poco, ne avevamo preso uno su calcio d’angolo anche a Crotone. Dobbiamo vedere cosa c’è da migliorare".

Roma, Mancini: “Oggi niente blackout. Il calo è normale”

Roma-Inter, 2-2 show all'Olimpico: super gol, sorpassi e rimonte
Guarda la gallery
Roma-Inter, 2-2 show all'Olimpico: super gol, sorpassi e rimonte

Queste le parole di Pau Lopez a Dazn 

Ci racconti la parata su Lautaro?
"E’ stata una bella parata, un po’ fortunata. Lukaku ha crossato bene, Lautaro aveva la porta vuota e mi ha calciato addosso. Peccato per il risultato, avevamo fatto bene le primo tempo ma poi a inizio secondo tempo non siamo stati abbastanza cattivi".

In questi mesi psicologicamente difficili come hai gestito questo aspetto mentale nella tua testa?
"E’ stato un anno un po’ diverso, lo scorso anno non ho fatto bene e quest’anno il mister ha scelto di far giocare Antonio Mirante dall’inizio. Da quel momento ho pensato solo a lavorare: in questo momento, quando entrambi eravamo pronti, ha giocato lui. Sono tranquillo, sono in una società importante. Ho faticato tanto per arrivare fino a qui, non mollerò tanto facilmente. Ho ancora tanti anni di contratto, voglio restare tanto qui a Roma".

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti