Roma, Conidi: "La mia canzone, i tifosi e lo stadio: è indescrivibile"

Nel 2007 scrisse "Mai sola mai", riproposta all’Olimpico su richiesta di Pellegrini al tecnico: "Alla cena della squadra ho cantato, Mourinho si è complimentato. Mi butterei io nel fuoco per lui, capisco i ragazzi"
Roma, Conidi: "La mia canzone, i tifosi e lo stadio: è indescrivibile"© AS Roma via Getty Images
Roberto Maida
TagsConidi

ROMA - Da qualche settimana un inno parallelo emoziona i tifosi della Roma all’Olimpico. Nasce dall’amore di tifoso di Marco Conidi, che pubblicò “Mai sola mai” nel 2007 devolvendo l’incasso in beneficenza. La sua canzone è stata rilanciata nelle ultime settimane grazie al capitano, Lorenzo Pellegrini, che l’ha fatta ascoltare a Mourinho chiedendo che fosse diffusa dagli altoparlanti dello stadio prima delle partite. E prima dell’inno ufficiale di Venditti, che i tifosi domenica scorsa hanno cantato a cappella perché “oscurato” dai regolamenti della Lega. Conidi, presenza fissa all’Olimpico, si è commosso quando ha sentito i suoi versi urlati dalla gente.

Ci spiega cosa ha provato?

«Qualcosa che soltanto a Roma puoi vivere. Le mie parole, i miei sentimenti, i miei tifosi. Indescrivibile. E non è una frase fatta».

L’aveva cantata anche qualche settimana fa alla cena della squadra.

«Sì. Pensi che mi avvisarono alle 18.30 del giorno stesso. Chiamai un pianista e andai. Piano e voce. La cantavano tutti. Mourinho mi ha detto: “Come canti bene, amigo!”. Anche da questi dettagli capisci perché i giocatori si buttino nel fuoco per lui. Verrebbe voglia anche a me di dare una mano in campo: solo che poi mi ricoverano...».

Ai Friedkin hanno spiegato chi fosse Marco Conidi?

«Certo. Ci siamo anche abbracciati alla fine. Il bello è che la mia fidanzata mi ha chiesto: “Chi sono quei signori?”. Ma è meglio così: amo questa presidenza così discreta ed efficiente. Non come quella di prima...».

Adesso la sua vita rischia di cambiare.

«A questo non penso, non mi interessa. Ho già fatto la mia carriera, sono stato a Sanremo, ho fatto dei film. Ora stiamo facendo questo programma, “La nottataccia” su Raiplay: guardatelo, fa davvero ridere. Mi sono già tolto le mie soddisfazioni. Ciò che più mi gratifica del successo della canzone è lo sguardo delle persone, la condivisione di un amore».

Venditti, Fiorini e ora Conidi.

«Non scherziamo. Sono cresciuto con gli inni di Antonello e Lando, non immagino minimamente di sostituirmi a loro. Ma certo è pazzesco sentire la mia canzone in mezzo a due pezzi storici della nostra vita».

Andiamo dentro alla canzone. Sognava davvero "di essere Agostino" quando era bambino?

«Per chi è nato nella mia generazione e tifa Roma, è quasi automatico identificarsi con una figura del genere: un capitano educato e sensibile. E un esempio per noi timidi, che sul palcoscenico sanno tirar fuori la determinazione. L’attesa per la sua “bomba” era un attimo speciale per me».

Un altro verso dice che "ci sono stati giorni amari che avevo solamente te". A cosa si riferiva?

«Al periodo dell’adolescenza, che per tanti è un momento di transizione complicata. Quando giocava la Roma tutto passava in secondo piano. Io sono del Quadraro: metro, autobus e via allo stadio. Dove potevi essere un panettiere o un medico ma avevi lo stesso obiettivo e le stesse emozioni. Il calcio è una meraviglia sociologica, un collante incredibile».

Avendo visto da vicino la Roma, che idea si è fatto di questo nuovo gruppo di lavoro?

«Penso che meriti del tempo per crescere in pace. Sono brave persone, ragazzi seri. Con qualche innesto di peso sul mercato, potremo divertirci molto nei prossimi anni».

E per quest’anno?

«E’ ovvio che vorrei vincere, anzi sogno di vincere. Ma non sono domande che si fanno a un romanista: per gli juventini o i milanisti è normale puntare al massimo. Noi siamo la Roma e dobbiamo costruire passo dopo passo con fatica il nostro percorso».

Cosa è pronto a fare per un altro scudetto?

«Canto “Mai sola Mai” in tutti i locali di Roma. Giuro che lo faccio».

Marco Conidi canta per la Roma in quarantena
Guarda il video
Marco Conidi canta per la Roma in quarantena

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti