Retroscena Roma, la furia di Tiago Pinto e Mourinho e il sospetto sull’arbitro Pairetto

Costa caro ai giallorossi il sabato all’Olimpico contro il Verona: tutto lo staff è stato colpito dalle squalifiche
Retroscena Roma, la furia di Tiago Pinto e Mourinho e il sospetto sull’arbitro Pairetto© BARTOLETTI
3 min
Roberto Maida
TagsMourinhoTiago Pinto

ROMA - Più che una stangata, è un colpo secco di ghigliottina: la Roma resta senza capo dopo la somma qualifiche decisa dal giudice sportivo. Mourinho prende due giornate (e 20.000 euro di multa), idem il preparatore dei portieri Nuno Santos; il general manager Tiago Pinto viene sospeso fino all’8 marzo (quindi di fatto anche lui per due partite) e persino il preparatore atletico Stefano Rapetti viene fermato per un turno (con multa di 5.000 euro). Domenica a La Spezia, quando a guidare la squadra come allenatore sarà l’ultimo arrivato Salvatore Foti, andrà uno staff tecnico mutilato. La Roma però farà ricorso per riabilitare Mourinho, Tiago Pinto e il resto della truppa in tempo per la partita contro l’Atalanta del 6 febbraio. L’avvocato Conte, uomo di fiducia della società per questioni di giustizia sportiva, sta già esaminando le carte per presentare un ricorso.

Stangata del giudice sportivo: Mourinho squalificato per due giornate
Guarda il video
Stangata del giudice sportivo: Mourinho squalificato per due giornate

Roma, la vicenda Pairetto

(...) Questo è forse l’elemento più importante dell’intera vicenda: il direttore sportivo della Roma, o meglio il general manager, ha «affrontato in maniera irruenta l’arbitro e, pur trattenuto dal proprio allenatore, indirizzato allo stesso gravi insinuazioni; sanzione ridotta per aver presentato in un secondo momento formalmente le scuse al direttore di gara, accettate dal medesimo». In pratica Tiago Pinto, alla fine di Roma-Verona, era fuori di sé, anche più di Mourinho, tanto da scendere velocemente negli spogliatoi, dalla tribuna, per aspettare il rientro di Pairetto. Gli ispettori della procura federale hanno rilevato una serie di riferimenti alla Juventus e in particolare al fratello dell’arbitro, Alberto, che lavora come dirigente addetto ai tifosi proprio alla Juve. In pratica sia Tiago Pinto che Mourinho, entrambi portoghesi, hanno adombrato negli stessi concitati minuti il sospetto che l’arbitraggio fosse “pilotato”. Così si spiega anche il gesto del telefono dell’allenatore, che tutto il mondo ha visto in diretta televisiva. Il senso: la telefonata, virtuale o meno, sarebbe arrivata a Pairetto, peraltro figlio del designatore di Calciopoli, da qualcuno che aveva interesse a frenare a rincorsa della Roma al quarto posto. Il fatto però è che Pairetto, nonostante l’arbitraggio scadente, ha inciso molto poco sul pareggio, al di là dei contestati quattro minuti di recupero.

Tutti gli approfondimenti sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio

Mourinho show: espulso da Pairetto abbraccia Tudor, chiede scusa e va via
Guarda la gallery
Mourinho show: espulso da Pairetto abbraccia Tudor, chiede scusa e va via


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti