Santon e l'addio al calcio: "Grazie a Inter, Roma e a chi ha creduto in me"

L'ex difensore azzurro ha annunciato pochi giorni fa il suo ritiro dal calcio professionistico
Santon e l'addio al calcio: "Grazie a Inter, Roma e a chi ha creduto in me"© LaPresse
3 min
TagsSantonRoma

Davide Santon in una lunga lettera d'addio su Instagram ha analizzato la sua carriera e motivato il suo prematuro ritiro al calcio giocato a 31 anni, ringraziando tutte le società (Inter, Cesena, Newcastle e Roma) che hanno creduto in lui nel corso degli anni.

Santon: "Il viaggio più bello, una 'montagna russa' di eventi"

"Mi ci è voluto un po' per esternare questo pensiero - ha cominciato Santon -, principalmente perché non ero sicuro di come mettere tante emozioni diverse in una frase, o più esattamente come trovare le parole adatte per dire addio al calcio. La passione, la dedizione, l'adrenalina, il lavoro di squadra e il divertimento di questo sport sono state la mia motivazione fin da bambino. L'obiettivo era di giocare finché la scintilla, che si era accesa quando ho toccato una palla per la prima volta, fosse stata accesa. Ho vissuto il viaggio più bello, imprevedibile, umiliante e stimolante. Una 'montagna russa' di eventi, fatto di tante vittorie ma altrettante cadute".

Serie A, 7ª giornata: probabili formazioni
Guarda il video
Serie A, 7ª giornata: probabili formazioni

Santon: "Non potevo più giocare come volevo"

I problemi fisici hanno frenato e ora chiuso definitivamente la sua carriera: "Dopo 3 operazioni al ginocchio destro e quest'ultimo problema al sinistro non mi è possibile giocare come vorrei. Ho lavorato duramente nel corso degli anni e ho dato molto più di quanto una partita di 90 minuti potesse mai mostrare. Sfortunatamente ora, quel lavoro non è più sufficiente a causa della mia condizione fisica".

Santon: "Grazie a chi mi ha aiutato e ha creduto in me"

"Non so nemmeno da dove cominciare a comunicare la mia gratitudine e il mio ringraziamento che va a tutte le persone che hanno fatto parte della mia carriera - ha continuato Santon -, presidenti, allenatori senza dimenticare tutte le persone che lavorano "dietro le quinte" come i medici , fisioterapisti, magazzinieri ecc., tutti ugualmente cruciali per rendere il calcio lo sport e la comunità straordinaria che sono. Nei giocatori con cui ho avuto l’onore di lavorare, sia come compagni di squadra sia come avversari, ho trovato amici autentici, alcuni li considero fratelli sicuramente ognuno mi ha insegnato qualcosa e ciascuno è stato per me motivo di crescita. Alle squadre di cui ho fatto parte: Inter, Cesena, Newcastle e Roma, grazie per avermi ospitato, migliorato e creduto in me. Ogni posto ha una parte speciale nel mio cuore, in cui posso rivivere ricordi incredibili quando lo visito".

Roma-Atalanta, la probabile formazione di Mourinho
Guarda la gallery
Roma-Atalanta, la probabile formazione di Mourinho


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti