Roma, ansia Celik: tutto sul suo infortunio

Il turco è in attesa degli esami strumentali. Mourinho nel post partita ha detto di non avere sensazioni positive
Roma, ansia Celik: tutto sul suo infortunio© BARTOLETTI
4 min
Guido D’Ubaldo 
TagscelikRoma

ROMA - La Roma perde anche Celik: per ora si parla di trauma distorsivo al ginocchio per il turco, in attesa degli esami strumentali. In realtà si teme la rottura del collaterale e già ieri a caldo Mourinho a Dazn ha detto di non avere sensazioni positive. Sarebbe un’altra tegola, anche se non si tratterebbe di un infortuinio da operare. Ieri era tornato titolare Zalewski, che avrebbe dovuto dare il cambio a Spinazzola sulla fascia sinistra, ma questo è stato proprio fino all’infortunio di Celik e quindi per pochissimi minuti. Il giovane polacco in questo inizio di stagione è stato bersagliato dagli infortuni e fino a ieri aveva giocato solo una partita da titolare, contro il Ludogorets. A questo punto sugli esterni la Roma è contata e domenica sembra inevitabile rivedere l’azzurro a sinistra e Zalewski a destra dove è finito ieri dopo soli 5’ di gara. 
Per Zalewski è in arrivo un adeguamento del contratto che aveva firmato quasi un anno fa. Da allora è cresciuto molto, si è guadagnato spazio in squadra e sta per andare al Mondiale con la Polonia.

Turn over per Mourinho 

Per domenica contro il Lecce Mourinho potrebbe far riposare qualche titolare. In occasione del posticipo serale della nona giornata si potrebbero rivedere Kumbulla ed El Shaarawy, che hanno recuperato dalle lesioni muscolari che li hanno tenuti fuori per oltre un mese. Kumbulla potrebbe far riposare Smalling, El Shaarawy (che ieri ha messo minuti nelle gambe) potrebbe essere il primo cambio per l’attacco, considerato che il Faraone ha imparato a saper entrare bene a partita in corso. 
Da verificare le condizioni di Pellegrini, che come previsto ieri ha dovuto saltare la partita contro il Betis. Il capitano vorrebbe esserci, ma le sue condizioni verranno valutate tra oggi e domani. Ci sarà massima attenzione per evitare il rischio di ricadute, considerato che il problema al flessore della coscia sinistra si trascina da un po’ di tempo. Ieri Pellegrini non è andato neppure in panchina contro il Betis Siviglia. 
Il segnale in questa direzione era arrivato già mercoledì, quando il capitano non si era allenato con i compagni. Lorenzo ha visto la partita dalla tribuna. La scelta, quindi, era arrivata nella giornata di mercoledì per non rischiare ricadute. 
Con il ritorno in pianta stabile di Zaniolo, Pellegrini tornerà a giocare a centrocampo, cosa che è avvenuta raramente in questa stagione per i vari infortuni che hanno penalizzato la squadra di Mourinho.

È il turno del Gallo Belotti

La novità più importante potrebbe essere rappresentata da Belotti, che ieri è stato in ballottaggio fino all’ultimo con Abraham e lo ha sostituito nel corso della ripresa. L’ex granata contro il Lecce è candidato a partire per la prima volta da titolare in campionato
Finora ha collezionato cinque presenze, sempre partendo dalla panchina, mentre in Europa League nelle due precedenti partite aveva cominciato dall’inizio. La condizione del centravanti è cresciuta e nell’allenamento di rifinitura Mourinho lo aveva provato anche in coppia con Abraham, per una soluzione che è stata utilizzata finora solo a partita in corso.  

Mourinho: "Il Betis ci è stato superiore"
Guarda il video
Mourinho: "Il Betis ci è stato superiore"


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti