Corriere dello Sport

Sampdoria

Vedi Tutte
Sampdoria

Ferrero: «Samp punita dai poteri forti»

© Ansa

Il presidente blucerchiato: «Balotelli? Se tornasse in Italia avrebbe le porte aperte»

 

lunedì 18 maggio 2015 16:17

GENOVA - «Mihajlovic? E' fantastico, non ce ne sono altri come lui. Ha un contratto di un anno con la Sampdoria e c’è il 70% di probabilità che resti dov’è». Massimo Ferrero risponde così alla domanda sul futuro del tecnico blucerchiato. Il presidente della Sampdoria ha gli obiettivi chiari: «Sono certo di andare in Europa League perché me la sono guadagnata - spiega a Radio Crc - non ho avuto nessun favore anzi tanti sfavori. Ho sempre difeso il mestiere degli arbitri che è molto complicato, purtroppo i poteri forti nel calcio ci sono sempre stati e condizionano le scelte. Ora c’è da affrontare Empoli e Parma, se vinciamo possiamo arrivare sesti. Sarri sarà il prossimo allenatore della Sampdoria? Sono stati accostati almeno 48 allenatori alla mia società. Sarri mi piace, è molto bravo ed esalta i giovani».

LA LAZIO E L'ARBITRO - A Ferrero non è andata giù la sconfitta contro la Lazio. «La ciliegina sula torta sarebbe stata battere la Lazio ma non ci è stato concesso a causa di errori arbitrali, ma non mi sono arrabbiato per questo. Evidentemente alcuni pensano che essendo nella lontana Liguria non possiamo arrivare ai vertici del calcio internazionale. Non credo nella malafede però nella gara contro la Lazio l’arbitro non ha visto tante cose come la spinta nei confronti di De Silvestri. Era tutto molto evidente, vorrei un calcio bello pulito, sereno e divertente. Vorrei che togliessero le bambole dal campo, forse per risolvere i problemi occorrerebbe la moviola».

DA BALO A ETO'O - Finale sul mercato. «Balotelli alla Sampdoria? Se il calciatore venisse in Italia avrebbe le porte aperte. Se tornassi indietro riprenderei Eto’o tutta la vita. I fedelissimi di Mihajlovic sono Soriano, Eder e de Silvestris».

Per Approfondire