Luigi De Laurentiis, il messaggio ai tifosi del Bari dopo le parole del padre

Le parole del massimo dirigente del club biancorosso dopo la conferenza stampa di questa mattina

Hanno fatto discutere le parole di Aurelio De Laurentiis nel corso della conferenza stampa di questa mattina, in cui ha definito il Bari come "la seconda squadra del Napoli". A intervenire è stato il sindaco della città pugliese, Antonio Decaro, che ha criticato le dichiarazioni del presidente azzurro, chiedendogli di porgere le dovute scuse al club biancorosso. Non solo Decaro, anche il figlio Luigi De Laurentiis (attuale presidente del Bari) si è soffermato con un lungo post pubblicato sui social.

Cosa ha detto Luigi De Laurentiis?

"È inutile che io ci giri intorno: devo dissociarmi dalle dichiarazioni rilasciate da mio padre, presidente dell’altra squadra della FilmAuro. Così come non sempre un figlio la pensa come il proprio padre, può accadere che due soci non condividano la stessa visione aziendale. Voglio credere che le parole di mio padre siano state mal interpretate o che lui stesso non si sia espresso con chiarezza, perché ovviamente non è possibile parlare di Bari e del Bari derubricandole a seconda squadra del gruppo non solo perché non è vero ma, inoltre, non rende giustizia alla storia di questa piazza. In ogni caso che ci sia stato un malinteso o meno, quanto accaduto è la dimostrazione nei fatti della totale autonomia che esiste fra le due realtà aziendali. Perché se il presidente dell’altra squadra del gruppo avesse gestito l’organizzazione del Bari, se sapesse come funziona il nostro settore giovanile, se avesse seguito in prima persona la creazione di questa struttura aziendale vocata a progetti ambiziosi, sicuramente non avrebbe parlato di “seconda squadra”.

"Non ho mai abbandonato il Bari"

"Dall’inizio della mia avventura ho agito autonomamente, con la mia impronta, i miei valori, il mio metodo aziendale: abbiamo strutturato un gruppo di lavoro che ogni giorno si occupa di gestire ogni aspetto della vita del Bari, assumendoci enormi responsabilità verso la città e i tifosi. Una volta avviata la macchina, ho rispettato ogni delega data e ogni ruolo affidato ai professionisti che ho scelto, senza mai abbandonare il Bari, ma costruendo una struttura solida abbastanza da poter essere indipendente e autonoma". 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

"La mia squadra è il Bari"

"Siamo arrivati a 90 secondi dalla Serie A, il nostro paradiso, ma siamo caduti e ci siamo fatti male. Io ci sono sempre stato e con fermezza ma senza alzare la voce ho motivato, sostenuto, investito ma, soprattutto, rispettato. E gli investimenti degli ultimi giorni ne sono una ulteriore prova. La mia prima squadra è il Bari e fino a quando sarò qui ne difenderò gli interessi, l’onore e i colori, con onestà intellettuale e morale e con impegno di fronte a chiunque". 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Hanno fatto discutere le parole di Aurelio De Laurentiis nel corso della conferenza stampa di questa mattina, in cui ha definito il Bari come "la seconda squadra del Napoli". A intervenire è stato il sindaco della città pugliese, Antonio Decaro, che ha criticato le dichiarazioni del presidente azzurro, chiedendogli di porgere le dovute scuse al club biancorosso. Non solo Decaro, anche il figlio Luigi De Laurentiis (attuale presidente del Bari) si è soffermato con un lungo post pubblicato sui social.

Cosa ha detto Luigi De Laurentiis?

"È inutile che io ci giri intorno: devo dissociarmi dalle dichiarazioni rilasciate da mio padre, presidente dell’altra squadra della FilmAuro. Così come non sempre un figlio la pensa come il proprio padre, può accadere che due soci non condividano la stessa visione aziendale. Voglio credere che le parole di mio padre siano state mal interpretate o che lui stesso non si sia espresso con chiarezza, perché ovviamente non è possibile parlare di Bari e del Bari derubricandole a seconda squadra del gruppo non solo perché non è vero ma, inoltre, non rende giustizia alla storia di questa piazza. In ogni caso che ci sia stato un malinteso o meno, quanto accaduto è la dimostrazione nei fatti della totale autonomia che esiste fra le due realtà aziendali. Perché se il presidente dell’altra squadra del gruppo avesse gestito l’organizzazione del Bari, se sapesse come funziona il nostro settore giovanile, se avesse seguito in prima persona la creazione di questa struttura aziendale vocata a progetti ambiziosi, sicuramente non avrebbe parlato di “seconda squadra”.

"Non ho mai abbandonato il Bari"

"Dall’inizio della mia avventura ho agito autonomamente, con la mia impronta, i miei valori, il mio metodo aziendale: abbiamo strutturato un gruppo di lavoro che ogni giorno si occupa di gestire ogni aspetto della vita del Bari, assumendoci enormi responsabilità verso la città e i tifosi. Una volta avviata la macchina, ho rispettato ogni delega data e ogni ruolo affidato ai professionisti che ho scelto, senza mai abbandonare il Bari, ma costruendo una struttura solida abbastanza da poter essere indipendente e autonoma". 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

1
Luigi De Laurentiis, il messaggio ai tifosi del Bari dopo le parole del padre
2
"La mia squadra è il Bari"