Corriere dello Sport

Talent scout

Vedi Tutte
Talent scout

Pjaca, la Dinamo Zagabria tratta con il Milan

Pjaca, la Dinamo Zagabria tratta con il Milan

E' un'ala destra, ha vent'anni, ha segnato undici gol in campionato ed è stato eletto miglior giocatore croato nella stagione 2014-15. La Dinamo chiede dodici milioni di euro, il Milan prova a regalarlo a Mihajlovic.

 Stefano Chioffi

venerdì 19 giugno 2015 17:04

ROMA - Il presidente e l’allenatore della Dinamo Zagabria sono fratelli. Zdravko Mamic amministra la società, mentre Zoran va in panchina e pensa agli schemi. Dalla scrivania alla tattica: una gestione in famiglia. Hanno storie diverse, però. Zdravko ha cinquantasei anni, controlla il club dal 2003 e in passato è stato arrestato per insulti razzisti nei confronti del ministro dello sport croato, Zelko Jovanovic. Non solo: è stato al centro di uno scandalo legato a una serie di partite truccate. Zoran, invece, è un ex difensore e ha giocato anche in Germania nel Bayer Leverkusen e nel Bochum. Ha quarantatré anni e guida la Dinamo Zagabria dal 2013. Non hanno un rapporto facile: alla fine di maggio si è sfiorato il divorzio, nonostante il campionato vinto con ottantotto punti (tredici di vantaggio sul Rijeka), il ventunesimo titolo considerando i quattro conquistati prima della dissoluzione della Jugoslavia.

MODRIC E KOVACIC - Zdravko Mamic, durante la sua presidenza, ha scoperto anche Luka Modric, che ora è il giocatore di maggiore peso specifico nel centrocampo del Real Madrid. Ha ceduto Mateo Kovavic e Marcelo Brozovic all’Inter, ha lanciato Sime Vrsaljko (Sassuolo, ex Genoa) e Milan Badelj (arrivato alla Fiorentina dopo l’esperienza nell’Amburgo), ha girato il baby d’oro Alen Halilovic (classe 1996) al Barcellona, ha prestato al Cagliari la punta Duje Cop e adesso sta trattando il cartellino di Marko Pjaca con il Milan. Affare complicato, perché Mamic chiede almeno dodici milioni di euro. 

LA SCHEDA - Pjaca è un’ala destra, ha vent’anni, ha segnato undici gol nell’ultimo campionato e viene gestito dal procuratore Marko Naletilic. Piace anche al Bologna. Dribbling e velocità: può fare l’esterno nel 4-3-3 oppure la seconda punta. Cambi di marcia e qualità: ha iniziato la carriera nello Zet 1927, poi è passato all’Nk Lokomativa e nella scorsa estate si è legato alla Dinamo Zagabria, firmando un contratto fino al 2019. Il presidente Mamic lo ha pagato quasi un milione di euro: operazione chiusa il primo luglio del 2014, dopo che Pjaca si era messo in evidenza nell’Nk Lokomotiva (sette gol e sei assist), allenata da Tomislav Ivkovic, che lo ha visto crescere e affermarsi. Proprio Ivkovic, classe 1960, lo aveva fatto esordire nella serie A croata il 24 febbraio del 2012, in occasione della vittoria per 3-0 contro lo Zadar.

L’EUROPA LEAGUE - E’ alto un metro e 83, pesa 77 chili, è nato il 6 maggio del 1995 a Zagabria. Trentadue presenze, undici gol e cinque assist nel campionato croato. Ha segnato due doppiette (all’Istra 1961 e al Rijeka), ma si è fatto apprezzare anche in Europa League, realizzando una tripletta nella sfida di ritorno della fase a gironi con il Celtic. Il 4 settembre del 2014 ha debuttato nella nazionale croata: il ct Niko Kovac lo ha utilizzato contro Cipro (2-0), negli ultimi dodici minuti, facendolo entrare in campo al posto di Kovacic.

IL PREMIO - Pjaca è stato eletto miglior giocatore della serie A croata. Mihajlovic è pronto a scommettere sulla sua consacrazione e anche il Bologna sta provando a trovare l’accordo con la Dinamo Zagabria: il direttore sportivo del club rossoblù, Pantaleo Corvino, è stato il primo ad aprire una trattativa. Pjaca salta il terzino e crea spesso la superiorità numerica. Ma lavora anche in fase di copertura: pressing, resistenza, applicazione, spirito di sacrificio. L’Italia è il suo traguardo.

Per Approfondire

Commenti