Corriere dello Sport

Talent scout

Vedi Tutte
Talent scout

Lucas Vazquez, lo spagnolo che piace al Liverpool di Klopp

Lucas Vazquez, lo spagnolo che piace al Liverpool di Klopp

E' un esterno destro da 4-3-3 e da 4-2-3-1, ha un contratto con il Real Madrid fino al 2020 e ha 24 anni: è il jolly di Zidane, che ha appena vinto in casa del Barcellona e ora prepara la sfida con il Wolfsburg nei quarti di finale di Champions League.

 Stefano Chioffi

domenica 3 aprile 2016 21:03

ROMA - Stavolta il “Clasico”, con i suoi 114 anni di storia e le sue 231 gare ufficiali, non valeva per il primo posto, ma Zinedine Zidane - all’esordio da allenatore in questa sfida - ha aiutato lo stesso il Real Madrid a trovare le carte giuste (pressing e contropiede) per vincere al Camp Nou e fermare il Barcellona, che non perdeva da 39 partite. E’ stato un lampo, anche se il colpo in casa di Messi e Neymar non cambia per il momento la sostanza della stagione del Real Madrid, tra esoneri in panchina e delusioni. Il gol di Piqué, poi la rimonta firmata da Benzena e Cristiano Ronaldo, che ha segnato dieci volte in carriera nel regno dei “blaugrana". Impresa da copertina, che spiazza Luis Enrique e riaccende almeno un po’ - a sette giornate dalla fine del campionato - la corsa al primo posto della Liga: Barcellona in testa con 76 punti, Atletico Madrid a quota 70, Real a 69.

L’ERRORE DI PEREZ - Riscatto morale, quello del Real Madrid, che ha centrato la sua 71ª vittoria nella Liga contro il Barça (68 successi), e ora si avvicina alla sfida di mercoledì in Champions con il Wolfsburg: in palio c’è l’ingresso alla semifinale. Una lezione al Barça dei record, che non modifica però gli umori della tifoseria nei confronti del presidente Florentino Perez: sua la sciagurata idea di mandare via in estate Carlo Ancelotto, il tecnico della decima Coppa dei Campioni/Champions League. Una mossa che si è tramutata nell’errore più grave della sua gestione, lunga tredici anni. Dall’esonero di Ancelotti a una stagione nel segno della pañolada: i fazzoletti bianchi sventolati spesso dai tifosi del “Santiago Bernaubeu” in forma di protesta per i risultati del Real Madrid hanno rappresentato il timbro sulla bocciatura della scelta compiuta dall’uomo che comanda il club più ricco e potente del mondo, in grado di chiudere il 2015 con un fatturato di 594,5 milioni di euro. 

GLI ESAMI - Rafa Benitez si è rivelato l’altro abbaglio: lo ha scelto proprio Perez, imprenditore e politico, è stato presentato tra le fanfare e spedito a casa il 4 gennaio del 2016 dopo il pareggio con il Valencia (2-2). Soluzione in casa: Zinedine Zidane, con il suo ascendente, sta cercando di raddrizzare un anno sbagliato. Dieci vittorie, due pareggi e una sconfitta nella Liga. Il francese è passato dalla panchina del Castilla, serie C spagnola, a quella del Real, proprio mentre Benitez faceva i bagagli per andare ad allenare il Newcastle in Premier League. In base ai sondaggi, Ancelotti è il più grande rimpianto del popolo del Real. E Cristiano Ronaldo non ha mai nascosto la nostalgia per l’allenatore italiano, prendendo le distanze da Perez, che ora sta accarezzando l’idea di un’altra rivoluzione. Tenere Zidane o affidare, dopo l’Europeo in Francia, il timone del Real Madrid a Joachim Löw, ct della Germania campione del mondo? Ecco il nodo da sciogliere. In estate, comunque, non mancheranno le partenze eccellenti: da Karim Benzema a Isco. In entrata, invece, il primo della lista è Robert Lewandowski, ventisette anni, centravanti del Bayern Monaco: il polacco è destinato a diventare la plusvalenza più sontuosa per il club tedesco, che lo aveva preso a parametro zero nell’estate del 2014 dal Borussia Dortmund. In arrivo, da Madrid, cento milioni di euro.

UN JOLLY PER LA FASCIA - Con le borse in mano c’è anche un centrocampista esterno, Lucas Vazquez, classe 1991, cresciuto nel Real Madrid: può giocare nel 4-2-3-1 oppure fare l’ala tattica nel 4-3-3. Ha un contratto fino al 2020 e può andare via per quattro milioni di euro. Era ritornato alla base nella scorsa estate, dopo un’esperienza positiva in prestito con la maglia dell’Espanyol (33 presenze, 3 gol e 6 assist). Con Benitez e Zidane è riuscito a scavarsi uno spazio, nonostante le soluzioni di lusso del Real. In campionato è stato utilizzato dicannove volte per un totale di 806 minuti. Ha giocato solo quattro partite da titolare, sempre da esterno destro nel 4-3-3, segnando un gol alla Real Sociedad e firmando sei assist, cinque dei quali per Cristiano Ronaldo, che ha sottolineato spesso le qualità di Lucas Vazquez.

NELLA LISTA DI KLOPP - Piace al Liverpool, Jürgen Klopp lo studia da diverso tempo, lo aveva seguito anche nell’Espanyol. Lucas Vazquez è nato a Curtis, in Galizia, il primo luglio del 1991. E’ alto un metro e 73, pesa 70 chili, ha iniziato a giocare nella scuola-calcio del suo paese, che ha poco più di quattromila abitanti. Dribbling, scatto, progressione, altruismo: arriva sul fondo e serve tanti palloni al centro. Ma garantisce anche chilometri e generosità, lavorando in fase di contenimento: corsa, applicazione, disciplina tattica. Ha debuttato nella Liga il 30 agosto del 2014 con la maglia dell’Espanyol: 1-2 in casa, allo stadio Cornellà-El Prat, con il Siviglia. L’allenatore era Sergio. Lucas Vazquez ha segnato il suo primo gol nel campionato spagnolo il 5 ottobre del 2014 alla Real Sociedad.

Articoli correlati

Commenti