Gli eSport secondo Nico: il fondatore del Team Vitality ci fa qualche previsione per il 2024

Abbiamo fatto due chiacchiere con Nico, il fondatore del Team Vitality, che ci ha dato la sua prospettiva sul 2024 degli esports.
Gli eSport secondo Nico: il fondatore del Team Vitality ci fa qualche previsione per il 2024
7 min

Il Team Vitality ha avuto nel 2023 uno dei suoi anni migliori sia per quanto riguarda le vittorie sul campo sia per quello che riguarda le sponsorship e le partnership. Ci troviamo a un punto di svolta per il settore che alcuni descrivono come in difficoltà mentre altri lo vedono in ascesa vista l'imponente iniezione di realismo che ha portato il periodo post pandemico. Per fare una fotografia dell'industria in questo momento e vedere cosa ci aspetta nel 2024 e oltre, abbiamo fatto due chiacchiere con Nicolas ‘Nico’ Maurer, Co-Founder e Ceo of Team Vitality. Ecco la nostra chiacchierata per intero.

Il 2023 è stato uno dei migliori, se non il migliore anno per Vitality, quale pensi sia stata la chiave del successo che avete avuto come organizzazione?

"Per noi è una questione di costruzione e pianificazione a lungo termine, in particolare per  Counter Strike. Abbiamo scelto di guardare al panorama internazionale, concentrandoci sul quadro più ampio e aggiungendo i pezzi che mancavano. Parte del nostro successo è dovuto alla nostra visione di dove vogliamo vedere arrivare il Team Vitality e al nostro atteggiamento proattivo nell’adottare tutte le misure necessarie per garantire di raggiungere i nostri obiettivi.

In un certo senso, il nostro successo di oggi riflette i nostri investimenti passati nelle prestazioni del team e la direzione che abbiamo preso con il nostro modello di prestazioni. Ciò significa mettere le nostre risorse prima di tutto negli esports, concentrandosi sulla qualità piuttosto che sulla quantità nei titoli competitivi più grandi, con l’idea che brillando in caposaldi come Counter Strike, possiamo fare la differenza per il Team Vitality su tutta la linea".

Raccontaci quello che consideri il tuo risultato più importanti dell'anno

"Vincere la finale del Paris Major di CS:GO in casa, nello stesso anno del nostro decimo anniversario, è stato davvero uno dei più grandi successi per noi negli esports. Sono stati i grandi trofei come quello che ci hanno portato a competere in primo luogo. E ora abbiamo conquistato uno dei major di cui avevamo bisogno per consolidare la nostra eredità negli annali degli esports. Per me, questo è stato il momento più bello nella storia del Team Vitality".

Quali titoli hai visto aumentare in popolarità e quali invece sono diminuiti?

"Direi Valorant e Rocket League per ragioni diverse. Valorant è incredibilmente potente, visti gli investimenti di Riot e ha riscontrato un grande successo. Per quanto riguarda Rocket League, il gioco ha un impegno costante nel coinvolgimento della sua community che continuerà a crescere inesorabilmente. Quindi, per questi motivi, sono entrambi titoli di enorme successo e siamo molto felici di essere presenti su entrambi.

Per quanto riguarda quelli che sono diminuiti, Dota 2 sembra aver fatto meno impressione negli ultimi tempi, in particolare per quanto riguarda l'international. Tuttavia, questa è un'osservazione distante del titolo poiché non siamo attivamente coinvolti in quella scena".

Guardando il settore a livello più globale, quale tendenza dell'anno scorso continuerà e quale emergerà in base alla tua esperienza?

"La principale tendenza del settore è che i team di esports si stanno muovendo verso la razionalità economica poiché l’accesso al capitale di spesa è diventato più limitato. Dobbiamo creare imprese sostenibili, e questo è ciò che è importante per noi e per l’ecosistema degli esports nel suo complesso. Pertanto, la tendenza è che i team siano più cauti nei propri investimenti e costruiscano modelli di business redditizi o modifichino i propri modelli per spostarsi verso la redditività".

Com'è andato l'anno dal punto di vista delle sponsorizzazioni? Hai visto l'ingresso di nuovi attori che hanno avuto o avranno un impatto sul settore?

"Quella delle sponsorizzazioni è una vera sfida per il mercato in generale che sta registrando un leggero calo di slancio. Noi del Team Vitality avremo quest'anno 14 partner di cui 4 rinnovi (Aldi, Crédit Agricole, Gg.bet e Jbl Quantum), a testimonianza delle nostre prestazioni in questo settore.

Secondo me, con il passare dell'anno, continueremo a vedere sempre più marchi non endemici entrare nella scena degli esports. Ad esempio, nel dicembre 2023 abbiamo firmato con i marchi di gelato Unilever Magnum e Ben & Jerry’s dopo il nostro showmatch congiunto Frozen All Stars Rocket League. Un altro esempio è il nostro partner nazionale, Crédit Agricole, una banca la cui presenza negli eSport sarebbe stata difficile da immaginare qualche anno fa".

Non solo in Italia ma in tutto l'ecosistema stiamo assistendo al declino dei broadcaster di terze parti in favore delle co-stream e delle produzioni ufficiali. pensi stia emergendo un trend? Che impatto pensi che avrà sul settore?

"Forse non tutti sanno che esistono diverse produzioni OTP (One Trick Production), ma sono più specifiche della scena esports francese. Noto che sembra esserci una tendenza importante verso il co-streaming che sta prendendo piede. Pensiamo che sia un modo interessante per far crescere le reti di fan raggiungendo un nuovo pubblico e riportandolo nell'ecosistema dei giochi.

Tuttavia, tutto questo deve essere gestito attentamente dalle parti interessate per garantire che la qualità del prodotto, come la LEC, sia sempre presente nelle co-stream. È necessario definire linee guida e soglie di qualità per evitare confusione. Quindi, le co-stream sono uno strumento incredibilmente potente e possono produrre risultati positivi, a condizione che siano ben regolamentate".

Qual è il nuovo esports più importante all'orizzonte secondo te?

Quando esce un nuovo videogioco è sempre difficile prevedere correttamente come si comporterà in veste esports. Oggi è molto raro trovare un nuovo titolo in grado di scuotere con successo lo status quo. Tuttavia, il Team Vitality è sempre aperto a nuove opportunità e osserviamo e valutiamo sempre i titoli competitivi, per vedere se ci danno solide ragioni per cambiare il nostro approccio. Proprio di recente, abbiamo ampliato le nostre operazioni alla Corea del Sud, accogliendo tra i nostri ranghi un roster di StarCraft II. Come organizzazione, il nostro obiettivo principale è dare il massimo in tutti i giochi principali. La nostra espansione in Corea del Sud e l’accoglienza di questi nuovi giocatori nel Team Vitality è il passo successivo per raggiungere questo obiettivo.

-di Riccardo Lichene


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti