F1, Verstappen: "A Zandvoort ho sentito la pressione dei tifosi"

Il campione del mondo in carica rivive le emozioni del Gp di casa: "Tutti si aspettavano che vincessi, quando ho tagliato il traguardo ero sollevato"
F1, Verstappen: "A Zandvoort ho sentito la pressione dei tifosi"© Getty Images for Heineken
TagsF1verstappen

ROMA - In Formula 1 i piloti devono convivere ogni giorno con la pressione. E Max Verstappen, fresco campione del mondo, non è stato da meno. L'olandese classe 1997 non ha però tremato di fronte all'ultimo giro a Yas Marina quando ha superato Lewis Hamilton all'ultimo giro. Non un cenno di reazione neanche a Monza, dove è letteralmente planato sulla testa dell'inglese alla Prima Variante. Se c'è un'occasione in cui l'asso della Red Bull ha accusato il colpo è stata invece la domenica del Gran Premio d'Olanda. "Lì ho sentito la pressione, anche più del GP di Abu Dhabi. Tutti si aspettavano che vincessi, compresi i tifosi", ha detto Verstappen a "CarNext".

Il beniamino di casa

I tifosi a Zandvoort erano ovviamente tutti per Max Verstappen. In migliaia hanno preso parte al Gran Premio fin dal venerdì con passione ed euforia, amplificati dal fatto che la Formula 1 tornava sullo storico circuito dopo 35 anni. Il pilota della Red Bull ha rievocato i ricordi di quei giorni: "Desideravo solo che l'intero weekend fosse semplicemente perfetto e non avremmo potuto fare di meglio". Poi, sulle due Mercedes di Hamilton e Bottas: "Hanno davvero provato a fare di tutto per ostacolarmi, ma alla fine ho vinto io e quando ho tagliato il traguardo ero sollevato". Il Gran Premio d'Olanda con la sua marea arancione sono confermati anche per la prossima stagione di Formula 1, quando Verstappen si presenterà a Zandvoort da campione del mondo e l'entusiasmo sarà ancora maggiore.

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti