F1, Horner: "Rinnovo Verstappen? È solo carta. Il meglio deve ancora venire"

Il team principal della Red Bull si prepara al 2022 sicuro della permanenza dell'olandese campione del mondo: "È arrivato che era un ragazzo, ora è un uomo", le sue parole
F1, Horner: "Rinnovo Verstappen? È solo carta. Il meglio deve ancora venire"© EPA
TagsF1Hornerverstappen

ROMA - Max Verstappen si avvicina alla stagione 2022 di Formula 1 da campione del mondo in carica. La cavalcata dell'olandese fino al titolo iridato ha fatto esultare i tecnici e i dirigenti della Red Bull, a digiuno dal 2013, quando a trionfare tra i piloti fu Sebastian Vettel. A Milton Keynes ora ci sono alte aspettative, non solo per la prossima annata, ma anche per gli anni a venire, sperando che Verstappen rinnovi con la scuderia. Aspetto che non preoccupa però il team principal Christian Horner, che a Speedcafe ha detto: "I rapporti professionali non si regolano con i contratti, ma si basano sulle relazioni. Il nostro legame e la fiducia reciproca instaurata in questi anni vanno al di là di qualsiasi pezzo di carta".

Percorso di crescita

Un rapporto dunque più forte degli accordi economici, che, pur necessari, non sembrano impensierire Horner, il quale aggiunge: "Quando Verstappen è arrivato era un ragazzo ed è cresciuto in squadra fino a diventare un giovane uomo. Non vedo l'ora di continuare a correre con lui per molti anni a venire e penso che le stagioni migliori debbano ancora arrivare". Con l'olandese campione del mondo e con queste dichiarazioni di Horner va di fatto a scomparire la clausola inserita a inizio 2021 nel contratto di Verstappen, che gli avrebbe consentito di unirsi ad un'altra scuderia se la Red Bull non fosse stata competitiva per il titolo. Contratto del 24enne che ora scadrà però nel 2023, lo stesso termine riportato sull'accordo con la Mercedes del rivale Lewis Hamilton.  

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti