Scrivere a mano fa bene

Usare carta e penna aiuta a rimanere concentrati, sviluppa capacità mnemoniche e non solo. Parola dell'Università di Harvard
Scrivere a mano fa bene

Quella di scrivere a mano è un’abitudine che si sta perdendo sempre di più. L’utilizzo di computer, tablet ma anche semplicemente smartphone sta alla lunga sostituendo la cara e vecchia carta e penna. Quella di scrivere a mano non è solo una preziosa abitudine che si sta perdendo, ma è molto di più. Infatti, diversi studi hanno confermato che scrivere a mano aiuta a concentrarsi, a sviluppare la capacità mnemonica, a organizzare le informazione nel modo migliore nelle diverse aree del cervello specializzato e infine stimola il pensiero astratto e la diversità. A supporto di quanto detto alcuni ricercatori dell’Università di Harvard hanno portato avanti uno studio nel quale hanno osservato due diversi gruppi di studenti prendere appunti: il primo scriveva a mano, mentre l’altro utilizzava il computer. Ne è emerso che il primo gruppo riusciva a selezionare solo le informazioni più importanti, rimanendo molto più concentrato rispetto a chi invece aveva davanti un pc.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti