Giuseppe Brindisi di Zona Bianca dimagrito 10 chili: "Ecco come ho fatto"

Il conduttore e giornalista è tornato in tv con un look completamente rinnovato
Giuseppe Brindisi di Zona Bianca dimagrito 10 chili: "Ecco come ho fatto"
3 min

Giuseppe Brindisi è tornato in tv dimagrito e con un look completamente nuovo, decisamente più giovanile. Il conduttore di Zona Bianca ha rivelato di aver perso ben dieci chili. "Mi sono reso conto che mi stavo appesantendo e ho pensato che potesse essere corretto provare a dimagrire per stare meglio, anche fisicamente", ha ammesso a TvBlog. "Dietro questa scelta c’è molta vanità, per paradosso sto monitorando molto la mia alimentazione proprio ora che ho quasi interrotto l’attività fisica. Fino ad un anno fa correvo 4-5 volte a settimana, pensa che avevo addirittura pensato di partecipare alla maratona di New York", ha aggiunto.

Giuseppe Brindisi, il conduttore di Zona Bianca dimagrito grazie al digiuno intermittente

Giuseppe Brindisi è dimagrito dieci chili grazie al digiuno intermittente, la stessa dieta che ha cambiato la vita a Flavio Briatore, Fiorello, Matteo Renzi. "La dieta del digiuno a intermittenza funziona così: digiuno per sedici ore e mangio nelle altre otto. Ritardo il pranzo, non mi pesa molto. Se la sera prima ho cenato alle 22, in genere rimangio alle 14", ha spiegato il presentatore che invece per quanto riguarda il nuovo look ha fatto sapere: "Sui capelli confesso che l’ispirazione me l’ha data una app che genera il proprio avatar. L’ho provata, è venuta fuori una bella foto e mi sono adeguato”.

Giuseppe Brindisi dimagrito con il digiuno intermittente: che cos'è

Il digiuno alternato - detto anche digiuno intermittente o dinner cancelling -  si basa sull’assunzione di cibo all’interno di una determinata finestra temporale, rimanendo a stomaco vuoto per le restanti ore. Così facendo le cellule, private del loro nutrimento, cercano grasso immagazzinato da usare come fonte di energia, mettendo l’organismo in condizione di attaccare l’adipe in eccesso e incidere sul metabolismo. A quanto pare i benefici sono diversi: protegge da tumori, invecchiamento, malattie degenerative. Rispetto alle diete tradizionali, il digiuno intermittente non obbliga a pesare il cibo, seguire rigide tabelle, calcolare l’apporto calorico, limitare o eliminare alcune categorie di alimenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti