Moto, un plus per l'economia e aiutano l’ambiente: lo studio di Oxford Economics

Oltre a generare un’ottima spinta in termini economici, l’impatto medio della flotta di mezzi a due ruote nell’intero territorio europeo è più basso di quanto in realtà si possa immaginare
Moto, un plus per l'economia e aiutano l’ambiente: lo studio di Oxford Economics
TagsMotoeuropaeconomia

La ricerca è stata condotta da Oxford Economics, leader nelle previsioni globali e nell'analisi quantitativa, e ha dimostrato come il settore moto impatti positivamente sia sull'ambiente che sulla situazione in termini economici  dell'intera Europea. Secondo lo studio, infatti, tutte le attività legate alle due ruote riescono a generare in tutta l'UE e il Regno Unito ben 21,4 miliardi di PIL, 389.000 posti di lavoro e 16,6 miliardi di euro di entrate fiscali. Per non parlare del minor impatto sull'ambiente che le moto genererebbero rispetto alle auto. 

UE, stop ai motori tradizionali dal 2035: appuntamento al buio per le moto

L'impatto generato dal settore motociclistico

Dal rapporto commissionato da ACEM, l'industria motociclistica in Europa, pare quindi chiaro il ruolo delle moto. Oltre a generare un’ottima spinta in termini economici, l’impatto medio della flotta di mezzi a due ruote nell’intero territorio europeo risulta di circa 99 grammi di CO2 per km. Ovvero, meno della metà dei 210 g CO2 per km generati dall'auto, indifferentemente dal tipo di carburante che utilizzano (benzina o diesel che sia). Stando alla ricerca, risulta poi interessante notare come le motociclette fino a 250 cc emettono in media 62 grammi CO2 per km e che circa il 62% delle due ruote presenti in UE rientra proprio in questo segmento.

Moto, un prezioso contributo

Insomma, dopo lo studio eseguito da Oxford Economics è arrivata la conferma: la mobilità in moto non offre vantaggi solo in termini economici, ma li offre anche in termini ambientali rispetto ad altri mezzi.

La ricerca di Oxford Economics – ha dichiarato Stefan Pierer, presidente di ACEM e CEO di KTM AG - dimostra che il settore motociclistico fornisce un prezioso contributo economico e sociale all'economia e alla mobilità in Europa. Nonostante le recenti sfide come la pandemia di Covid-19 o un difficile contesto commerciale internazionale, il nostro settore rimane forte. L'industria motociclistica continuerà a svolgere un ruolo positivo in termini di creazione di posti di lavoro, crescita economica e mobilità urbana”.

Top 10, le moto più vendute da gennaio ad agosto 2021

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti