Coronavirus, caos drive-in a Roma: fino a 12 ore di attesa per un tampone

Lunghe code di auto fin dalle prime ore del mattino fuori dalle strutture adibite per eseguire i test di positività al Covid-19. Intanto la Regione Lazio sta lavorando per raddoppiarle

Fare un tampone a Roma sfruttando il drive-in? Certo, basta essere consapevoli che ci possono essere dalle 4 alle 12 ore di attesa. Il test per sapere se si è positivi o meno al Covid-19 mette a dura prova tempo e pazienza di tutti coloro che vi si vogliono sottoporre o ne hanno bisogno.

Roma, chiude la metro a Castro Pretorio e Policlinico per due mesi: ecco quando

La stessa situazione in varie parti della città

Già dalle prime ore del mattino, quando il sole non è ancora sorto, le auto iniziano a formare lunghe code in attesa di poter passare dalla struttura e fare il test. Questa è la situazione a Labaro, nella parte nord di Roma, e pure a Fiumicino, a sud. All’aeroporto, il drive-in è stato installato nella zona del parcheggio a lunga sosta e qualcuno sui social racconta la propria esperienza: “Nottata mistica quella appena trascorsa. Sono entrato nel drive-in dell'aeroporto per il test covid alle ore 22.12, ne sono uscito alle 05.23 quando ho desistito davanti alle ulteriori 3 ore previste di attesa. Unica nota positiva lo straordinario impegno e la gentilezza del personale impiegato”.

Attese su attese anche al drive-in istituito all'interno dell'ospedale San Giovanni. Sei ore al drive-in di Santa Maria della Pietà, in zona Monte Mario, per la giornalista del Tg1, Costanza Crescimbeni, che non ha mancato di tweettare la sua personale “odissea”.

Al lavoro per raddoppiare i drive-in

Molte lamentele, insomma, tanto che la Regione Lazio si è messa al lavoro per raddoppiare i drive-in e permettere di accedere più velocemente ai test di verifica per la positività al Covid-19. A tal proposito, l'assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato ha dichiarato: “Stiamo lavorando per il raddoppio dei drive-in: l'aeroporto di Guidonia, Monterotondo Scalo, Priverno, Aprilia, Gaeta, Pomezia, oltre al nuovo drive del Pertini e a quello che è già partito a via Odescalchi (Asl Roma 2), a Tor Vergata presso la grande area utilizzata durante il Giubileo e in altre aree che si stanno valutando”.

Roma, Piano Sampietrini: in via IV Novembre i lavori non terminano mai

Commenti