Corriere dello Sport

Mobilità Roma
0

Metro Roma, addio a 20 nuovi treni: l'appello del Premier Conte per i trasporti

La gara per la fornitura di 20 nuovi treni sotterranei è andata persa. Un fallimento che si aggiunge al caos sovraffollamento e file interminabili per prendere i mezzi pubblici. Anche il Premier Conte evidenzia il problema, la Sindaca Raggi e Atac proveranno a trovare una soluzione?

Metro Roma, addio a 20 nuovi treni: l'appello del Premier Conte per i trasporti

Le linee A e B della metropolitana di Roma non avranno, almeno per il momento, treni nuovi. La gara per la fornitura di 20 nuovi treni è infatti andata deserta. A comunicarlo è stato il dipartimento Mobilità, dopo che l'unica società coinvolta, la Construcciones y Auxiliar de Ferrocarriles S.A., ha dato forfait.

20 treni nuovi andati persi: e ora?

Il bando era stato pubblicato nell'ottobre 2019, e prevedeva la progettazione, costruzione, fornitura e manutenzione di 15 treni da adibire al servizio di trasporto pubblico sulla linea B e B1 della metro, compresi 5 anni di manutenzione. Inoltre, previsti anche la progettazione, costruzione, fornitura e manutenzione di altri 5 treni per la linea A, anche in questo caso comprensiva di 5 anni di manutenzione, senza dimenticare la fornitura dei materiali di prima scorta sia per atti vandalici che per incidenti, comprensiva delle attività opzionali di riparazione da compensarsi a misura. Il totale stanziato era di 169 milioni di euro.

La procedura è andata avanti fino a luglio, quando la CAF non ha confermato l'offerta presentata in sede di gara. Ora il rischio è che i fondi messi a disposizioni dal Governo vengano ritirati e Roma perda la possibilità di svecchiare le sue metro.

Assembramenti, Conte insorge

Ma per la sindaca Raggi c'è un altro problema da affrontare, quello del sovraffollamento di autobus e metro in un periodo critico come questo, in cui i contagi da Covid tornano a salire a dismisura, rendendo una semplice corsa su un mezzo pubblico un rischio per la salute. Numerosi utenti del trasporto pubblico romano segnalano eccessivi affollamenti. E di certo non aiuta la chiusura delle stazioni di Castro Pretorio e Policlinico per due mesi a causa di lavori di manutenzione. La soglia di capienza massima è stata fissata all'80% a inizio settembre, sia a livello nazionale che regionale, per rispondere all'aumento di domanda in corrispondenza della riapertura delle scuole e del rientro a lavoro dopo l'estate. E la Regione Lazio pare intenzionata a non modificare la percentuale, dovendo garantire il servizio pubblico.

A tal proposito, ha parlato anche il premier Giuseppe Conte: "Quello del trasporto pubblico è una situazione critica, gli affollamenti sono da evitare. Dobbiamo investire per quanto possibile in modo che le persone che sono costrette a prendere i mezzi pubblici possano farlo in condizioni di assoluta sicurezza".

Il confronto con la De Micheli

Quali alternative, allora? Serve sicuramente trovare una soluzione al più presto: una che possa permettere ai cittadini di viaggiare in maggiore sicurezza. Per questo, oggi (mercoledì 14 ottobre) è in programma alle 16 e 30 un confronto tra la ministra dei Trasporti Paola De Micheli, i rappresentanti della Conferenza delle Regioni, di Anci e di Upi sulle misure di contenimento dei contagi sui mezzi pubblici. Si parlerà del monitoraggio periodico dei flussi dei passeggeri sui mezzi, e saranno analizzati i disagi registrati in questi giorni, relativi ad assembramenti a bordo dei mezzi e all'interno delle stazioni, tra cui anche quelli della città di Roma.

Atac, arrivano nuovi bus per la periferia di Roma Nord

Tutte le notizie di Mobilità Roma

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti