Roma, arrivano le nuove regole per i monopattini in sharing: ecco cosa cambia

Oltre al numero massimo di mezzi elettrici, le novità riguardano le modalità con cui possono essere noleggiati e le aree che il servizio dovrà ricoprire
Roma, arrivano le nuove regole per i monopattini in sharing: ecco cosa cambia
4 min
TagsmonopattinisharingRoma

Nella mattinta odierna è stato pubblicato sul sito del Comune di Roma l'Avviso Pubblico per selezionare 3 operatori interessati al servizio di noleggio dei monopattini elettrici, una stretta decisiva se si pensa che attualmente gli operatori sono 7 con concessione di durata triennale. I mezzi nel centro città potranno essere massimo 3mila.

Roma, al via nel 2023 i lavori per la Linea G

Requisiti fondamentali

Le imprese che verranno selezionate dovranno necessariamente aver già effettuato servizio autorizzato in una città con almeno 750mila abitanti e con almeno mille veicoli. Su ogni mezzo sarà necessaria una targa metallica con tanto di QR code, la velocità massima consentita è di 20 km/h (6 km/h nelle aree pedonali). I monopattini potranno essere noleggiati solo da maggiorenni i quali dovranno sottoscrivere lo sharing attraverso la carta di identità. In caso di infrazioni, le società di noleggio rischiano dalla sospensione alla revoca dell'autorizzazione. L'operatore potrà essere autorizzato previo versamento di un canone a Roma Capitale compreso tra 1 e 4 euro al mese per mezzo elettrico. Cambia anche l'aria minima da coprire dal servizio (95 kmq), estesa a 5 aree Pgtu tra le Mura Aureliane, l'anello ferroviario, la fascia verde, il Gra, Ostia e Acilia. Tra le altre condizioni necessarie per la scelta dei 3 operatori saranno valutati anche il sistema di manutenzione, il controllo e la redistribuzione della flotta, il sistema di contatto con la clientela, la sostenibilità ambientale, la possibilità di offrire abbonamenti, le agevolazioni per gli utenti del trasporto pubblico e gli sconti per spostamenti sistematici.

Ordine dove non c'era

Roberto Gualtieri, sindaco di Roma ha affermato che "Con il nuovo bando per l'affidamento del servizio di monopattini elettrici Roma passerà dal caos di una situazione priva di programmazione ad un regolamento ordinato, attento alle esigenze dei cittadini e del decoro urbano. La nuova disciplina riporta questo mezzo di trasporto a corto raggio ad essere meglio distribuito sul territorio, limitandone l'abuso e garantendo comportamenti corretti sia nella velocità sia nelle possibilità di parcheggio. È un altro tassello della nostra strategia per garantire alla Capitale quel modello di mobilità moderna, sostenibile e razionale su cui stiamo lavorando con grande impegno".

Anche Eugenio Patanè ha voluto dire la sua sul nuovo regolamento: "Mettiamo ordine dove non c'era attraverso un bando che recepisce quanto previsto dalle linee guida del nuovo Regolamento. Discipliniamo concretamente un ambito molto sentito dai cittadini. Abbiamo il dovere di potenziare il ricorso a mezzi in modalità sostenibile, usandoli dove servono, per il tratto del cosiddetto "ultimo miglio" o "primo miglio", ossia negli spostamenti casa/prima fermata trasporto pubblico e da trasporto pubblico/lavoro-università-scuola. Dobbiamo inoltre evitare che siano posteggiati ovunque. Questo bando va proprio a fare questo, riducendo il numero di operatori, imponendo vincoli più stringenti a tutela del decoro urbano e della sicurezza, redistribuendo i monopattini in tutta la città e non solo nel centro storico".

Roma, Voi Techology premia il "buon parcheggio" dei suoi utenti


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti