Diesel, la Francia ci ripensa: sono i motori più puliti

Il governo transalpino vuole equiparare i moderni propulsori a gasolio Euro 6d temp alle migliori auto a benzina: a rischio migliaia di posti di lavoro.
Diesel, la Francia ci ripensa: sono i motori più puliti
Gianluigi Giannetti

La Francia fa marcia indietro sulla demonizzazione del Diesel, studiando una nuova valutazione normativa che equipara i modelli a gasolio Euro 6d temp alle migliori auto a benzina. Il quotidiano Le Monde riporta infatti che il ministero dell'Economia starebbe cercando un accordo per l'attribuzione del bollino Crit'Air - Certificats qualité de l'air - di livello 1, cioè il migliore delle vetture con motore non elettrico, anche ai diesel di ultima generazione, oggi invece classificati Crit'Air 2. 

La Francia è preoccupata non solo di creare disagi e problemi di mobilità a quanti continuano a credere nel Diesel e ne hanno necessità per lunghi spostamenti a costo accettabile, ma anche per proteggere l'industria nazionale e l'occupazione. Secondo stime del ministero dell'Economia, il calo delle vendite del Diesel (crollate al 34% in gennaio) starebbero mettendo a rischio ben 38mila posti di lavoro, collegati direttamente alla produzione di motori a gasolio e impianti d'iniezione. L'iter per questa modifica della classificazione Crit'Air è però ancora lungo, perché il ministro della Transizione Ecologia ha dichiarato che la questione sulla salubrità dei motori Diesel è 'unicamente scientifica' e non di competenza del settore economico. 

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti