Guidava una Maserati, ma percepiva il reddito di cittadinanza

Denunciati dalla guardia di finanza 116 furbetti, tra questi anche un possessore del Suv del Tridente
Guidava una Maserati, ma percepiva il reddito di cittadinanza

Circa 700mila euro truffati da 116 percettori illeciti del reddito di cittadinanza a Treviso e dintorni. Scoperti da un’indagine della guardia di finanza, condotta con la collaborazione di INPS e Regione Veneto, sono stati immediatamente denunciati. Le contestazioni spaziano dalla mancata denuncia di redditi a irregolarità nel requisito di residenza. Ma ci sono anche casi più singolari.

Maserati Levante fugge all’alt della Polizia e si schianta sotto un cavalcavia

A spasso con la Maserati

Il più curioso è probabilmente quello del proprietario di una Maserati Levante. Il Suv del Tridente, acquistato mentre beneficiava del sussidio, è sul mercato a partire da poco meno di 100.000 euro, evidentemente non una somma da indigenza. Ma il possessore della Levante non era il solo ad aver omesso l’acquisto di auto con cilindrata superiore a 1600 incompatibili con il reddito di cittadinanza.

Per altri quarantacinque truffatori l’illecito contestato è di aver mentito sulla residenza; in una ventina scarsa di casi l’irregolarità riguardava invece l’omissione di redditi percepiti all’interno del proprio nucleo familiare, oppure la mancata comunicazione di aver ottenuto un lavoro dopo la richiesta del sussidio; altri invece hanno nascosto considerevoli somme di denaro vinte con il gioco d’azzardo online.

Scoperto prestanome con 570 auto: tasse evase per 21 milioni

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti