Ori a Hirscher e Kim, male gli azzurri in combinata

Assegnati nella notte i titoli di snowboard halfpipe femminile e combinata maschile di sci alpino: s'impongono i favoriti, mentre gli italiani non riescono ad essere protagonisti
Ori a Hirscher e Kim, male gli azzurri in combinata© EPA
3 min
Tagsolimpiadi invernaliPyeongchangHirscher

PYEONGCHANG - Ancora due titoli assegnati a PyeongChang nella notte italiana: prima, l'halfpipe femminile, specialità dello snowboard, ha visto il successo della statunitense Chloe Kim; poi c'è stato finalmente l'esordio olimpico dello sci alpino, che dopo tanti rinvii è riuscito a portare a termine la combinata maschile, portando subito al titolo olimpico uno degli uomini più attesi, l'austriaco Marcel Hirscher, che finalmente rompe la maledizione olimpica e conquista il suo primo oro a cinque cerchi. Male, in quest'ultima prova, gli italiani.
Vediamo nel dettaglio le gare della notte:
SNOWBOARD - HALFPIPE FEMMINILE - Nessuna sorpresa nell'halfpipe femminile: la medaglia d'oro dei Giochi Invernali di PyeongChang se lo mette al collo la 17enne statunitense ma di origine coreana (la sua famiglia arriva da Seul) Chloe Kim, col punteggio di 98.25. Argento per la cinese Jiayu Liu (89.75) mentre il bronzo va a un'altra americana, Arielle Gold, con 85.75.
SCI ALPINO - COMBINATA MASCHILE - La specialità dell'alpino che combina i risultati di discesa libera e slalom, come detto, a PyeongChang premia l'austriaco Marcel Hirscher, che regala all'Austria il suo secondo oro di queste Olimpiadi. Completano il podio due francesi: argento per Alexis Pinturault e bronzo per Victor Muffat-Jeandet. Gli italiani ci hanno provato, ma, dopo l'accorciamento della discesa e dunque i distacchi ridotti accumulati dagli slalomisti (come Hirscher e Pinturault) serviva un mezzo miracolo: fuori nella manche di slalom sia Peter Fill che Dominik Paris, rispettivamente sesto e decimo al termine della discesa, mentre Christof Innerhofer chiude 14esimo dopo il quinto tempo della prima parte di gara.
CURLING - DOPPIO MISTO - In attesa della finale che assegnerà la medaglia d'oro (programmata per le 12.05 italiane) tra Canada e Svizzera, nella notte il team olimpico russo (OAR), che non può partecipare sotto la sua bandiera per le note vicende, ha conquistato il bronzo: Anastasia Bryzgalova e Aleksandr Krushelnitckii, che dalla scorsa estate sono anche marito e moglie, hanno sconfitto per 8-4 la coppia norvegese formata da Kristin Skaslien e Magnus Nedregotten, fidanzati invece dal 2012.
SKELETON - TRAINING NUMERO 3 - E' stato ancora il britannico Dom Parsons (già protagonista della seconda prova) a imporsi nel terzo allenamento del singolo maschile di skeleton. Il britannico ha chiuso con il tempo di 50"78, precedendo il coreano Yun Sungbin (50"81) e il neozelandese Rhys Thornbury (50"91). L'unico italiano iscritto alla gara, Joseph Luke Cecchini, ha chiuso la prova al 23° posto, distanziato di 1"30 dal leader.

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti