Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Calciomercato Empoli, Bellusci: «Volevo tornare in Italia»

Calciomercato Empoli, Bellusci: «Volevo tornare in Italia»
© REUTERS

Il difensore ex Catania e Leeds: «Sappiamo tutti di dover lavorare sodo da subito per poter centrare la terza salvezza consecutiva»

Sullo stesso argomento

 

giovedì 7 luglio 2016 17:37

EMPOLI - Pasqual, Gilardino e Bellusci. Usato garantito per l'Empoli che oggi ha presentato il difensore ex Catania e Leeds. Queste le prime parole di Bellusci: "Ritrovo la A dopo averla assaggiata con il Catania e spero di poter essere utile alla causa e ripagare la fiducia che l'Empoli ha riposto in me. Ringrazio Cellino che mi ha dato l'opportunità di tornare in Italia assecondando un mio desiderio. Volevo fortemente tornare qui per tanti motivi. Amo lavorare sulla fase difensiva ed in Inghilterra questo non veniva fatto. Tatticamente l'Italia è un passo davanti a tutti. Ho visto l'Empoli come ha lavorato su questo fondamentale e sono felice di essere qui. Parlando con la mia famiglia ho deciso di fare una scelta di vita che ci facesse tornare a vivere qui".

CALCIOMERCATO

ARIA DI FAMIGLIA - "Sono arrivato qui e ho subito trovato chiunque a braccia aperte ad accogliermi. Sappiamo tutti di dover lavorare sodo da subito per poter centrare la terza salvezza consecutiva che sarebbe come vincere uno scudetto. Ci metteremo subito a disposizione del mister per cercare di incamerare da subito le nuove nozioni per affrontare al meglio la nuova stagione. Il mister mi ha già introdotto il lavoro, anche se un'infarinatura già la avevo avendo io lavorato con Giampaolo. Vi svelo anche che in fase di trattativa è stato proprio lui a confermarmi che avrei fatto la scelta giusta. Io in questo momento ho bisogno di una realtà come questa per riprendere da dove avevo lasciato. L'Empoli mi sta dando una grande opportunità. La trattativa non è stata facile, ma io ho fortemente voluto tornare qui e spero ora di continuare qui a lungo. Ho capito in 48 ore chi mi diceva che Empoli era come una famiglia".

EMPOLI, UFFICIALE GILARDINO

Articoli correlati

Commenti