Sassuolo, rabbia De Zerbi: "Chi non dà tutto andrà in tribuna"

Il tecnico: "Doveamo chiuderla 3-0 invece l'abbiamo fatta riaprire e poi l'abbiamo persa per colpa nostra meritatamente"
Sassuolo, rabbia De Zerbi: "Chi non dà tutto andrà in tribuna"© Getty Images
TagsSerie A

TORINO - "Avendo una squadra giovane, non sempre le cose vengono capite al volo. Doveamo chiuderla 3-0 invece l'abbiamo fatta riaprire e poi l'abbiamo persa per colpa nostra meritatamente". Così il tecnico del Sassuolo, Roberto De Zerbi, ai microfoni di Sky dopo la gara con il Torino: "Ho inserito Boga e Traore per chiuderla, non per gestire. Non penso che sia una questione di sistema di gioco: abbiamo avuto tante occasioni per vincerla e non ci siamo riusciti. Anche perché, come è successo, prendi gol e la partita si riapre. Questi giovani ci hanno portato talento e risultati ma evidentemente qualcuno ritiene che il Sassuolo sia un luogo di passaggio e si accontenta senza metterci qualcosa di più. E' un atteggiamento contro il quale combatto da anni, evidentemente non ci sono riuscito. Questa società è seria e necessita di giocatori altrettanto motivati"

Torino-Sassuolo 3-2: Zaza e Mandragora rimontano la doppietta di Berardi
Guarda la gallery
Torino-Sassuolo 3-2: Zaza e Mandragora rimontano la doppietta di Berardi

Chi non mette l'anima va in tribuna

"In campo c'erano molti ragazzi e sbagliamo, probabilmente più di tanti, nonostante si sia ripetuto tante volte l’importanza della gara. Chi non l’ha capito abbastanza nelle prossime giornate vedrà la partita dalla tribuna o dalla panchina. Per come sono fatto io, che vivo di calcio, in campo bisogna mettere l'anima. Sono molto molto arrabbiato: nel calcio non si deve dare nulla per scontato. A essere qui siamo fortunati e ce lo dobbiamo meritare"

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti