A2 Maschile: Brescia torna da Reggio Emilia con i tre punti

Pur priva di Galliani la squadra di Zambonardi vince, faticando soltanto nel terzo set, per 0-3 (19-25, 19-25, 24-26) contro un'imprecisa Conad

© Sarca Brescia

REGGIO EMILIA-Sarca Italia Brescia, nonostante sia scesa campo in formazione rimaneggiata per l’assenza di Galliani torna da Reggio Emilia con i tre punti in tasca trovando in Ristic un ottimo punto di forza in prima e in seconda linea, ben coadiuvato da un attacco che non ha perso continuità, sia al centro sia in banda, e che ha trovato in Bisi il miglior realizzatore della serata. La Conad è apparsa invece nettamente inferiore agli avversari ed ha finito per arrendersi con il massimo punteggio. Brescia domina i primi due set e riesce a piazzare la zampata finale per chiudere il match.

LA CRONACA DEL MATCH- 

Squadre schierate con Pinelli e Magnani sulla diagonale principale, Dolfo e Ippolito laterali, Mattei e Miselli al centro e Morgese libero per i padroni di casa, mentre lo starting six bianco blu prevede Tiberti incrociato a Bisi, Cisolla e Ristic in banda, Festi e Candeli al centro con Zito libero.

Zambonardi deve rinunciare a Galliani, ancora dolorante per la contusione rimediata nel match contro Ortona, ma Brescia parte forte e, sfruttando al meglio l’attacco dal centro e il turno al servizio di Festi, scappa 4-10 con Candeli e Bisi sempre a segno e un Ristic che gioca senza paura e pesa in difesa e  in ricezione. Reggio accorcia col doppio ace di Ippolito e resta in scia con Dolfo, (14-17), ma il muro di Festi vale il 18-23. Scarpi prova a dare ossigeno alla Conad, ma il suo attacco out consegna invece il primo set a Brescia.

Equilibrio in avvio fino al break segnato dall’attacco di Bisi (6-9); Bellini rileva Morgese in posto due e il muro di Mattei su Ristic fa arrivare i padroni di casa sul 11-12, ma i due errori consecutivi in attacco di Ippolito permettono ai tucani di prendere il largo (14-19). Dolfo è il più efficace dei suoi, ma le redini del set le tiene Brescia, che chiude sfruttando la buona vena di Bisi e gli 11 errori avversari.

Cisolla stampa Bellini per il 4-5 e Ristic mette sulla riga il punto successivo, però i Tucani non sono ancora abbastanza cinici in alcune situazioni di rigiocata e si viaggia in parità. Tiberti può servire i suoi centrali come vuole, ma Conad ci prova fino in fondo e va sul 17-15; il muro di Festi sulla pipe di Dolfo riporta lo score in parità a 18 e quello di Cisolla su Bellini permette l’aggancio a  21. Bisi di prepotenza si prende il match ball e Candeli chiude le ostilità con un block perfetto su Ippolito.

Tre punti che sono ossigeno per Brescia e permettono di proseguire con più tranquillità la corsa alla qualificazione alla Coppa Italia.

I PROTAGONISTI-

Simone Tiberti (Sarca Italia Brescia)- « Eravamo curiosi di vedere come saremmo scesi in campo, visti gli acciacchi dell’ultimo minuto: abbiamo approcciato bene il match contro una squadra che deve ancora trovare  il suo assetto. Portiamo casa tre punti che ci fanno riprendere la corsa verso le prime sei posizioni ».

IL TABELLINO-

CONAD REGGIO EMILIA – SARCA ITALIA CHEF CENTRALE BRESCIA 0-3 (19-25, 19-25, 24-26)

CONAD REGGIO EMILIA: Pinelli 0, Ippolito 11, Miselli 1, Magnani 2, Dolfo 13, Mattei 7, Cagni (L), Scarpi 0, Morgese (L), Catellani 0, Bellini 13. N.E. Zingel, Fabi. All. Bosco.

SARCA ITALIA CHEF CENTRALE BRESCIA: Tiberti 1, Ristic 6, Candeli 6, Bisi 16, Cisolla 13, Festi 8, Franzoni (L), Crosatti 0, Zito (L), Malvestiti 0. N.E. Galliani, Ceccato, Mijatovic, Ostuzzi. All. Zambonardi.

ARBITRI: Oranelli, Rolla.

NOTE – durata set: 25′, 24′, 28′; tot: 77′.

Da non perdere







Commenti