La Pelle Azzurra: coltivare talento e salvare la terra
Attualita'
0

La Pelle Azzurra: coltivare talento e salvare la terra

Il progetto che dà l’opportunità  agli atleti di sviluppare il proprio potenziale attraverso un metodo scientifico, offrirà borse di studio gratuite

Investire sul talento degli atleti italiani migliorando il pianeta, questo è La Pelle Azzurra, un progetto di inclusione sociale nel quale lo sport è il terreno sul quale lavorare senza differenze né barriere, su cui il talento possa  esprimersi al meglio attraverso la formazione e la crescita sportiva. Un metodo diretto al miglioramento della performance degli atleti, tramite un lavoro di coaching, di sostegno al perfetto equilibrio mentale ed emotivo totalmente gratuito, grazie alle borse di studio individuali.

La Pelle Azzurra non investe solo sul rendimento delle persone ma anche sulle persone stesse in modo sostenibile per il pianeta grazie alla partnership con MinerGreen, l’azienda ecosostenibile del pluricampione  del mondo di biliardo, Gustavo Zito. Credere nel  talento di una pianta che da sola annienta CO2 come nessun’altra, è come credere nel talento di un atleta che autonomamente possa essere più forte, per questo La Pelle Azzurra e MinerGreen coltiveranno 10.000 alberi blue-green: 10 alberi per ogni atleta, che sarà possibile adottare attraverso una campagna di crowdfunding.

La testimonianza di Gustavo Zito: “MinerGreen ha valori di solidarietà e tutela ambientale, consapevole del fatto che non può esistere un futuro se non investendo nelle persone. Questa voglia di investire e far crescere le persone ci ha portato a tingere il verde col l’azzurro finanziando il progetto La Pelle Azzurra”. Il primo step di formazione residenziale per l’empowerment degli atleti selezionati sarà il 14 novembre 2019 a Maratea. Quattro giornate dedicate alla costruzione del sogno olimpico per il talento sportivo italiano e rendere il pianeta migliore, è solo l’inizio, un piccolo contributo di impegno e fantasia.

Tutte le notizie di Attualita'

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

In edicola

Prima pagina