Bari-Frosinone, pari senza emozioni. Il Parma frena, 3-3 tra Cittadella e Palermo

La capolista guidata da Grosso impatta 0-0 al San Nicola. Grande spettacolo al Tombolato tra i granata e i rosanero (doppiette per Maistrello e Di Mariano). Strizzolo arresta la corsa del Pisa, la squadra di Pecchia non va oltre lo 0-0 con il Sudtirol. Nessun gol anche in Benevento-Como, Venezia e Brescia non si fanno male nello scontro salvezza (1-1)
Bari-Frosinone, pari senza emozioni. Il Parma frena, 3-3 tra Cittadella e Palermo© LAPRESSE
14 min
Tagsserieb

ROMA - Nella ventinovesima giornata di Serie B pari spettacolo tra Cittadella e Palermo (3-3). Granata avanti con Maistrello e Antonucci su rigore, i rosanero pareggiano prima dell'intervallo con Di Mariano dagli undici metri e Brunori. Nella ripresa Di Mariano firma la sua doppietta personale, stesso discorso per Maistrello che insacca per il 3-3 finale. Espulsi i due tenici, Gorini e Corini, e il capitano del Cittadella per doppio giallo. Il Palermo si trova a -2 dai playoff, veneti a +5 sulla zona calda. Al Modena basta la rete di Strizzolo per avere la meglio sul Pisa. I canarini accorciano sulla zona playoff, a -3 dal Parma. Pareggi a reti bianche in Benevento-Como (sanniti in dieci per il doppio giallo a Tello) e Parma-Sudtirol. Lo scontro salvezza Venezia-Brescia si chiude sull'1-1: a Pohjanpalo risponde Van De Looi. Al San Nicola poche emozioni e grande equilibrio in campo: 0-0 tra il Bari di Mignani e il Frosinone capolista di Grosso. Antenucci e compagni agganciano momentaneamente al secondo posto il Genoa, in attesa del match in programam domani tra il Grifone di Gilardino e la Ternana di Lucarelli

Classifica Serie B

Benevento-Como 0-0

Ritmi blandi in avvio di match al Ciro Vigorito. La prima grande occasione è a firma Benevento: al 6' Tello rientra sul destro e mette dentro un tiro-cross che rischia di sorprendere Gomis con un rimbalzo strano: il palo salva il Como. Al 14' Manfredini risponde presente alla punizione potente di Cerri. Grande equilibrio in campo, tante le interruzioni che spezzano il ritmo del gioco. Dopo tre minuti di recupero si chiude il primo tempo. Il secondo tempo per il Benevento si apre con l'espulsione di Tello: dopo il giallo ricevuto nel primo tempo per una sbracciata ai danni di Odenthal, il numero 8 dei sanniti si becca la seconda ammonizione al 2' del secondo tempo per un intervento in gioco pericoloso sullo stesso Odenthal. Nervi tesi in casa Benevento, espulso l'allenatore dei sanniti Stellone per proteste. Poco dopo Manfredini salva i padroni di casa con una bella respinta sul tiro forte ma centrale di Cerri. Nel finale Parigini sfonda sulla destra e suggerisce per Gabrielloni che, dal limite dell'area, controlla e calcia a incrociare senza però trovare la porta. Al 40' per il Como di prova Da Riva, ma la conclusione dai 20 metri finisce altissima.

Benevento-Como: tabellino e statistiche 

Cittadella-Palermo 3-3

Pronti via e il Cittadella sblocca la gara. Al 3' Vita controlla il cross di Antonucci, gira in mezzo per Maistrello che al volo batte Pigliacelli. Padroni di casa subito in vantaggio alla prima occasione creata. Al 21' Saric atterra Mastrantonio, per Massimi è calcio di rigore. Dagli undici metri si presenta Antonucci che non sbaglia e spiazza Pigliacelli: raddoppio Cittadella. Al 26' occasione Palermo con Saric che, approfittando di una conclusione smorzata di Soleri, tutto solo davanti a Maniero manda alto. Alla mezz'ora Verre viene messo giù in area dopo un contrasto con Carriero, Massimi lascia proseguire. Il direttore di gara viene però richiamato al Var per rivedere l'azione. Dopo un breve consulto Massimi concede il rigore ai rosanero. Va Di Mariano che di potenza insacca in rete e accorcia le distanze. Al 39' pericoloso Brunori, ma la sua conclusione di potenza trova solo l'esterno della rete. Cresce la tensione nelle due panchine: espulso l'allenatore del Palermo Corini, ammonito Gorini. Al 45' Pigliacelli evita il 3-1 del Cittadella con una parata d'istinto sulla conclusione di prima di Mastrantonio. Nel secondo dei quattro minuti di recupero il Palermo pareggia i conti: Saric spizza in area per Brunori che, in acrobazia, realizza un fantastico gol. Occasione Cittadella al 2' del secondo tempo con Vita che, a tu per tu con Pigliacelli, manda clamorosamente alto. Proprio su questa azione il numero 16 dei veneti si fa male ed è costretto al cambio: al suo posto entra Magrassi. All'11 Pigliacelli dice no sulla conclusione di Branca. Il Palermo completa la rimonta al 19': Soleri, entrato in area dalla sinistra, suggerisce in mezzo per Di Mariano che non può sbagliare e insacca in rete. Il Cittadella riacciuffa il match al 29': cross perfetto di Giraudo e colpo di testa vincente di Maistrello che realizza la sua doppietta personale. Il Cittadella rimane in dieci al 40' per l'espulsione di Branca: doppio giallo per il capitano dei veneti dopo un fallo su Segre. Al 42' grande occasione sciupata dai rosanero con il colpo di testa di Valente incredibilmente a lato, ma il numero 30 del Palermo era in posizione di fuorigioco. Doppio giallo per Gorini: espulso anche il tecnico del Cittadella. Nel primo dei cinque minuti di recupero mano di Bettella in area rosanero, Massimi concede il secondo rigore per il Cittadella, il terzo di giornata. Prima del tocco di mano viene però segnalato un fuorigioco di Maistrello. Rigore cancellato, si riparte con una punizione del Palermo. Brivido per il Cittadella sulla conclusione dal limite di Damiani: palla fuori di un soffio. 

Cittadella-Palermo: tabellino e statistiche 

Modena-Pisa 1-0

Il Modena passa in vantaggio all'8': Strizzolo anticipa tutti e mette dentro il pallone sulla bellissima punizione battuta da Tremolada. Per il numero 10 dei canarini si tratta del nono assist fornito in campionato. Al 15' prova a rispondere il Pisa con l'anticipo di testa di Calabresi: para Gagno. Al 18' il Modena è costretto alla prima sostituzione: esce il dolorante Poli, dentro Duca. Il Modena continua a spingere e, sull'asse Duca-Strizzolo, manda al tiro Falcinelli, solo in area di rigore pisana: pallone alto sopra la traversa. Al 28' il Pisa riparte in contropiede: Beruatto assiste Sibilli, poi Touré va al tiro con il destro, ma il suo tentativo finisce fuori di pochissimo. Gioco interrotto per qualche minuto a causa di un problema all'audio dell'arbitro Volpi. Dopo sei minuti di recupero le due squadre si dirigono verso gli spogliatoi. Nel secondo tempo subito una bella parata di Nicolas sul tiro forte e preciso di Strizzolo. Un minuto dopo occasione Modena con Armellino che con il sinistro non trova lo specchio della porta. Al 16' Gagno para sul colpo di testa di Gliozzi. Al 22' Modena ad un passo dal raddoppio con la traversa clamorosa su un tiro-cross di Ponsi che sorprende Nicolas. Pericoloso nel finale il Pisa con la conclusione di controbalzo di Tramoni: palla fuori dallo specchio della porta. Al 43' Gagno si supera sul destro potente di Masucci, ma arriva la segnalazione del fuorigioco. Nell'ultimo dei cinque minuti di recupero grande rischio per il Modena: Moreo va di testa in anticipo, la palla sfila sul secondo palo con Masucci che non arriva per poco. 

Modena-Pisa: tabellino e statistiche 

Parma-Sudtirol 0-0

Parma pericoloso al 14': Bernabé si libera di Lunetta, supera Tait e Masiello e incrocia con una conclusione rasoterra: palla a lato di pochissimo. Replica il Sudtirol al 18': il tentativo rasoterra di Rover viene neutralizzato da un riflesso straordinario di Buffon. Due minuti dopo sono ancora gli altoatesini a rendersi pericolosi: spiovente di Zanimacchia per Rover, il cui tiro al volo di sinistro termina di un nulla al lato della porta difesa da Buffon. Al 32' ci prova dal limite dell'area Coulibaly, ma la sua conclusione non crea particolari problemi a Poluzzi: rinvio dal fondo per il portiere del Sudtirol. Nel secondo tempo il Parma si rende pericoloso con una bella iniziativa di Man al 22': saltato Masiello, il centrocampista dei padroni di casa lascia partire un tiro rasoterra sul primo palo, ma il pallone finisce fuori di un nulla. Scollinata la mezz'ora, Bernabé conclude dal limite dell'area: palla fuori misura. A dieci minuti dalla fine Parma ad un passo dal gol con Lautaro Valenti, ma Curto salva a pochi passi dalla linea di porta. 

Parma-Sudtirol: tabellino e statistiche 

Venezia-Brescia 1-1

Fasi di studio tra Venezia e Brescia nella sfida salvezza al Pier Luigi Penzo. Al 20' Huard crossa in mezzo, il colpo di testa di Bisoli termina alto. Al 32' Pierini serve in area Cheryshev che di sinistro manda sull'esterno della rete. Occasione Brescia al 39': Jallow mette in mezzo per Galazzi che, con il sinistro, manda fuori di un soffio. Al 44' Venezia pericoloso con il colpo di testa di Pohjanpalo che scavalca Andrenacci, ma Bisoli salva tutto sulla linea. Al 3' della ripresa Andrenacci blocca in due tempi il tiro di Pierini. Il Venezia passa in vantaggio al 5': Pierini suggerisce per Candela, cross basso in mezzo deviato sottoporta da Pohjanpalo. Al 16' arriva il pareggio del Brescia: torre di Bisoli su corner, Joronen male in uscita e Van de Looi non perdona. Gli ospiti continuano a rendersi pericolosi: al 21' Ceppitelli perde il pallone, Aye suggerisce in verticale per Rodriguez che tira sul primo palo: Joronen c'è. Nel finale occasione Venezia con Novakovich che da due passi spreca tutto e grazia Andrenacci

Venezia-Brescia: tabellino e statistiche 

Bari-Frosinone 0-0

Al 4' Bari pericoloso con il tiro-cross di Ricci deviato da Lucioni: Turati in tuffo mette in angolo. Il Frosinone gestisce il pallone, il Bari chiude ogni varco. Al 13' Antenucci conclude, ma il suo tentativo viene respinto da Gelli. Al 23' pericoloso il Frosinone con il cross mezzo in mezzo da Caso, grande chance per Rohden ma Ricci salva il Bari sulla linea di porta. Poco dopo il colpo di testa di Lucioni non è preciso. Al 32' il tiro di Benedetti di destro finisce fuori misura. Al 44' l'arbitro Aureliano assegna un rigore al Frosinone per un fallo su Oyono. L'intervento del Var annulla tutto: il contatto è avvenuto fuori area. Nel secondo tempo primo squillo del Bari all'8' con la conclusione di Antenucci, deviata in corner. I due allenatori inseriscono forze fresche in campo. Dopo la classica girandola dei cambi, il Frosinone si rende pericoloso al 31': scatto alle spalle della difesa di Moro, bravo Caprile ad uscire basso per chiudere lo specchio della porta all'attaccante gialloblù. Dopo quattro minuti di recupero si chiude così il match. 

Bari-Frosinone: tabellino e statistiche 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti